Diritto e Fisco | Articoli

La contestazione disciplinare deve essere specifica e immediata

22 Maggio 2015 | Autore:
La contestazione disciplinare deve essere specifica e immediata

La contestazione disciplinare che precede un licenziamento deve essere specifica ed immediata, altrimenti il provvedimento è nullo.

 

Quando l’azienda contesta al lavoratore una violazione del codice disciplinare aziendale deve farlo mediante “contestazione di addebito disciplinare”, ossia una lettera nella quale devono essere specificamente descritti:

data, luogo e modalità con cui si è manifestato il comportamento del lavoratore ritenuto illegittimo;

– le norme del regolamento aziendale e/o del contratto collettivo che si ritengono violate;

– l’invito, rivolto al lavoratore, a presentare le proprie difese entro un certo termine.

Per essere legittima, in sostanza, la contestazione disciplinare deve essere specifica: deve cioè contenere, nel dettaglio, la descrizione dell’addebito mosso, al fine di consentire al lavoratore di sapere quali condotte gli sono addebitate e potersi difendere di conseguenza.

Oltre a ciò è necessario che la contestazione sia tempestiva: ciò significa che l’azienda dovrà contestare al lavoratore la propria mancanza immediatamente, o – quando ciò non sia possibile – non appena venga a conoscenza della condotta illegittima.

Se la contestazione mossa rispetta questi requisiti e le giustificazioni del lavoratore non sono sufficienti a “scagionarlo”, il successivo licenziamento disciplinare, fondato sui medesimi fatti posti a fondamento dell’addebito contestato, sarà legittimo.

Di tale avviso è, in particolare, una recente sentenza della Corte di Cassazione [1], nella quale si precisa che la previa contestazione dell’addebito, necessaria per procedere – se ci sono i presupposti – al licenziamento disciplinare, ha lo scopo di consentire al lavoratore l’immediata difesa contro gli addebiti mossi. Di conseguenza deve essere quanto più possibile specifica e tempestiva: caratteristiche presenti solo se siano fornite le indicazioni necessarie ed essenziali per individuare concretamente e precisamente il fatto contestato al dipendente.


note

[1] Cass., sent. n. 9615 del 12.05.2015.

Autore immagine 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube