Diritto e Fisco | Articoli

Tavolini del bar in condominio

23 Maggio 2015
Tavolini del bar in condominio

Ho un winebar al piano terra di un condominio, il locale è dotato di una corte esclusiva, catastalmente riconosciuta, nella quale vorrei mettere dei tavoli, ma l’amministratore del palazzo dice che il regolamento condominiale lo vieta espressamente. Vorrei sapere se tale limitazione all’uso della corte esclusiva è legittima o se posso posizionare i tavoli su questo spazio.

 

Secondo la Suprema Corte di Cassazione, il regolamento di condominio può contenere clausole che impongono il divieto di destinare a determinate attività locali o, comunque, aree di proprietà esclusiva dei singoli condomini. Tuttavia, poiché tali clausole limitano le facoltà del singolo proprietario, devono essere approvate all’unanimità o accettate negli atti di acquisto da parte dei primi acquirenti delle unità immobiliari condominiali (i soggetti che acquistano un immobile direttamente dal costruttore).

Tali clausole, per avere efficacia nei confronti dei successivi acquirenti delle unità immobiliari facenti parte del condominio, devono essere trascritte nei registri immobiliari oppure essere menzionate ed accettate espressamente nei singoli atti di acquisto. Solo a queste condizioni il divieto imposto è legittimo.

Agli acquirenti originari (cioè a quelli che hanno acquistato l’appartamento direttamente dal costruttore) è pertanto consigliabile verificare se, nell’atto di acquisto, è richiamato il regolamento condominiale, oppure se, non essendo richiamato nell’atto di acquisto, il regolamento è stato approvato all’unanimità dall’assemblea condominiale.

In questi casi, i condomini sono tenuti a rispettare il divieto imposto. Per coloro che hanno acquistato un appartamento non dal costruttore, ma da un precedente proprietario, il divieto è legittimo solo se la clausola che lo contiene risulta trascritta nei registri immobiliari o menzionata ed accettata nel contratto d’acquisto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube