Diritto e Fisco | Articoli

Usufrutto: non si trasmette all’erede

23 Maggio 2015
Usufrutto: non si trasmette all’erede

È deceduto mio padre, usufruttuario di un’abitazione di cui io avevo solo la nuda proprietà: mia madre, sua erede, può ora ereditare l’usufrutto e avere il diritto di abitazione su tale appartamento? A chi spetta pagare l’imposta sull’immobile?

L’usufrutto è un diritto reale ossia su un bene (una “res”, come dicevano i latini, da cui la parola “reale”) [1] ed è definito come “il diritto riconosciuto all’usufruttuario di godere e disporre della cosa altrui, traendo da essa tutte le utilità che può dare (compresi i frutti), con l’obbligo di non mutarne la destinazione economica”.

Qualora venga costituito un diritto d’usufrutto, al proprietario del bene resta solo la nuda proprietà (ossia la proprietà spogliata del potere di trarre utilità dalla cosa).

Il diritto reale di usufrutto, proprio per la sua evidente invasività, ha una durata obbligatoriamente temporanea, in quanto una durata indeterminata sostanzierebbe, in pratica, la perdita del diritto di proprietà da parte del nudo proprietario. Infatti, se le parti non hanno stabilito una durata nel contratto di usufrutto, essa non potrà eccedere la vita dell’usufruttuario. Alla morte di quest’ultimo, l’usufrutto si “riunisce” quindi con la nuda proprietà (che, da “nuda proprietà” diventa “proprietà piena” ossia garantisce la normalità dei diritti al suo titolare). Risultato: l’usufrutto non si trasferisce al coniuge superstite, perché tale diritto non è compreso nella massa ereditaria, essendosi estinto con la morte dell’usufruttuario.

Di conseguenza, non si può configurare nemmeno il diritto di abitazione per il coniuge superstite [2] perché, per manifestarsi, tale diritto presuppone necessariamente che la residenza familiare fosse di proprietà del de cuius o comune.

L’immobile dunque rientra nella piena proprietà del lettore e, pertanto, l’imposta sulla casa è da lui dovuta, applicando l’aliquota ordinaria deliberata dal Comune (in regime di IMU).

Se il figlio volesse continuare a far vivere la madre nell’immobile si configurerebbe una ipotesi di comodato d’uso gratuito.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. E se come nel mio caso entrambi i coniugi hanno l’usufrutto? Alla morte di uno dei due, il superstite continua a godere dell’usufrutto e pagare le relative tasse, giusto?

  2. Buonasera io sono proprietaria di una casa mia mamma e mio padre anno lusufrutto adesso mia mamma e morta come funziona .va il 50 x cento a me .Però mio padre a più case e io sono l’ultima non ci sono minori

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube