Aggio Equitalia: oggi decide la Corte Costituzionale

26 maggio 2015


Aggio Equitalia: oggi decide la Corte Costituzionale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 maggio 2015



La misura dell’aggio in favore di Equitalia, ricompresa tra il 4,5% e l’8%, non tiene conto degli effettivi costi sostenuti dall’Agente per la Riscossione e, inoltre, non è calcolata in base alla capacità contributiva.

Saranno 24 ore di attesa per Equitalia: la Corte Costituzionale deciderà oggi, in udienza pubblica, se l’aggio di Equitalia, dovuto per la riscossione, è legittimo o meno. Il “compenso” percepito dall’Agente per la riscossione per l’attività di riscossione da essa svolta si trova, dunque, a un bivio.

Il sospetto di incostituzionalità dell’aggio è giustamente sorto a causa di due considerazioni facilmente comprensibili:

– l’aggio viene calcolato in misura percentuale sul valore della cartella (4,5% se pagata nei primi 60 giorni dalla notifica; 8% se pagata dopo), a prescindere dagli effettivi costi sostenuti da Equitalia per l’attività di riscossione (che, nella prima fase, si limita solo alla spedizione della raccomandata a.r..). Così, su una cartella di 10mila euro, il “rimborso spese” che l’Esattore percepisce per aver semplicemente notificato il plico varierebbe tra 450 euro (nei primi due mesi) e 800 euro (dopo): un importo di gran lunga superiore alle spese postali sostenute;

– l’aggio non tiene conto delle capacità economiche dei contribuenti e finisce per costituire una notevole disparità di trattamento fra cittadini. Esso infatti è misurato in base al debito e non in base alla capacità contributiva.

È allora più giusto – così come avviene nel recupero crediti privato – che i costi per la riscossione siano sostenuti dal mandante (in questo caso lo Stato) piuttosto che dal debitore?

Le conseguenze

Come noto le sentenze della Consulta hanno effetto retroattivo dalla data della loro pubblicazione. In caso di accoglimento della questione e dichiarazione di incostituzionalità, potrebbe scattare l’obbligo di restituzione di milioni di euro ai contribuenti per gli importi pagati in tutti questi anni.

Per maggiori approfondimenti sul tema e sui possibili effetti, leggi l’articolo di qualche giorno fa: “Aggio Equitalia sulla cartella: incostituzionale?”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI