Premio di produttività, arriva la stangata fiscale in busta paga

27 Maggio 2015
Premio di produttività, arriva la stangata fiscale in busta paga

Brutta sorpresa per i lavoratori dipendenti, quest’anno il premio di produttività sarà tassato con l’aliquota ordinaria senza alcun sconto fiscale, di conseguenza la somma in busta paga sarà quasi dimezzata.

Nel 2015 i lavoratori più bravi rischiano di non essere premiati dal Fisco. Non è ancora arrivato il decreto che da il via libera alla detassazione Irpef sui premi di risultato.
Vediamo come verrà decurtata la busta paga.

Lo scorso anno i premi di produttività, ovvero legati al buon risultato dell’azienda, beneficiavano di una tassazione agevolata. Sconto che ad oggi non è confermato, con un sensibile impatto negativo sulle tasche dei lavoratori. Perché, se nel 2014 si applicava un’aliquota del 10%, quest’anno l’imposta sarà quella ordinaria. Il calcolo della sforbiciata che attende le buste paga è semplice da fare. Nel caso di un reddito di 28mila euro e 3.000 euro di premio, resterà in tasca 1.860 euro (si applica l’aliquota del 38%) contro i 2.700 del 2014 (aliquota fissa del 10%).

In media, secondo una stima della Uil Toscana, il reddito del lavoratore subirà una perdita media di circa 1.500 euro. A meno che il governo non promulghi il decreto necessario in modo che i premi di risultato non siano nuovamente detassati, come previsto nella legge di stabilità del 2012.

Certo il tempo stringe, visto che solitamente le somme a premio sono erogate nelle buste paga di giugno o luglio. Lo scorso hanno il decreto, che prese la forma del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, fu pubblicato in Gazzetta ufficiale il 29 aprile. Il ritardo è preoccupante e non lascia presagire buone notizie.

Nel 2014 i limite di reddito per beneficare del super sconto era di 40mila euro, dunque comprendeva un’ampia platea di dipendenti. L’importo massimo della retribuzione di produttività agevolabile fissato a 3.000 euro, su cui veniva applicata un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle varie imposte regionali e comunali, pari al 10%.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube