Diritto e Fisco | Articoli

Vestiti trasgressivi, sexy e osé: è reato per la prostituta?

28 maggio 2015


Vestiti trasgressivi, sexy e osé: è reato per la prostituta?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 maggio 2015



Prostituzione e atti contrari alla pubblica decenza: non basta essere semi nudi, ma bisogna accompagnare il vestiario anche da un comportamento specifico.

Andare vestiti mezzi nudi per strada è reato? Non sempre: solo quando all’abbigliamento si accompagnano anche azioni specifiche si può parlare di atti contrari alla pubblica decenza. Il chiarimento viene da una sentenza della Cassazione di questa mattina [1].

Dunque, il semplice vestiario trasgressivo, sexy e osé non è di per sé illecito. È necessario che ricorrano anche comportamenti spropositati e non giustificati.

Affinché scatti il reato di atti contrari alla pubblica decenza – sottolinea la Suprema Corte – non è sufficiente che un uomo o una donna indossino un abbigliamento spinto. Non è questo che arreca offesa alla pubblica decenza, ma occorre invece che ciò si accompagni a comportamenti idonei ad offendere concretamente il bene giuridico della decenza, in modo da suscitare nell’uomo medio di oggi un senso di riprovazione, disgusto o disagio. Tale valutazione va anche rapportata in base all’ambiente in cui ci si trova: pertanto diversa sarà la valutazione della stessa condotta in una pubblica piazza, davanti a una chiesa o in un parco giochi per bambini rispetto, invece, a un’aperta campagna o un luogo isolato, notturno o non facilmente raggiungibile.

In forza di questo ragionamento, i giudici della Cassazione hanno accolto il ricorso di una giovane meretrice, fermata dai carabinieri mentre svolgeva la sua attività di adescamento dei clienti.

Tale orientamento non fa che riprendere il pensiero della stessa Corte già espresso in precedenti pronunce [3].

Insomma, i glutei parzialmente scoperti – tale è il caso deciso nella sentenza in commento – non fa più scandalo.

note

[1] Cass. sent. n. 22475/2015.

[2] Art. 726 cod. pen.

[3] Cass. sent. n. 39860 del 23.04.2014.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI