HOME Articoli

News Anagrafe dei conti e ISEE: giacenza media comunicata dalla banca

News Pubblicato il 29 maggio 2015

Articolo di




> News Pubblicato il 29 maggio 2015

Anagrafe dei conti correnti e Isee: la giacenza media sul conto comunicata all’amministrazione per i controlli.

Banche e altri operatori finanziari dovranno ora comunicare, all’archivio dei conti correnti (o meglio detta “Anagrafe dei rapporti finanziari”), controllato dal Fisco e dalle altre Pubbliche Amministrazioni, tutte le informazioni del deposito del proprio cliente: quindi non solo i saldi e i movimenti in entrata (versamenti) e in uscita (prelievi), ma anche la giacenza media.

Tale dato servirà, da un lato, all’Agenzia delle Entrate, per i normali controlli e, dall’altro, potrà servire al contribuente che debba compilare la certificazione Isee per accedere ai servizi e alle prestazioni sociali a condizioni agevolate.
Il calcolo della giacenza media, necessario per completare le pratiche per il rilascio dell’Isee, aveva, negli scorsi mesi, rallentato il nuovo meccanismo per quanti dovevano usufruire delle agevolazioni sui servizi sociali. E questo perché gli intermediari finanziari erano stati soltanto “sollecitati” a rilasciare, ai propri correntisti, la giacenza media. Oggi, però, con un recentissimo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate [1], questo sollecito diventa un vero e proprio obbligo da comunicare annualmente. Il documento delle Entrate ha peraltro individuato il metodo di calcolo con cui si determina la giacenza media annua di un conto eliminando ogni incertezza a riguardo.

Cos’è la giacenza media
La giacenza media è l’importo medio delle somme a credito del cliente in un determinato periodo ragguagliato all’anno. Il calcolo della giacenza media annua si determina dividendo la somma delle giacenze giornaliere per 365, indipendentemente dal numero di giorni in cui il deposito/conto risulta attivo.
Per giacenze giornaliere si intendono i saldi giornalieri per valuta”, specifica il provvedimento del direttore dell’agenzia delle Entrate.
Gli intermediari dovranno inviare le informazioni relative al 2014 entro il 30 giugno 2015.

note

[1] Ag. Entrate provv. n. 73782/2015.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI