Diritto e Fisco | Articoli

Accertamento fiscale: rettifica solo con nuovi elementi

3 giugno 2015


Accertamento fiscale: rettifica solo con nuovi elementi

> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 giugno 2015



Il secondo avviso è invalido se il fisco valuta le stesse circostanze in modo diverso ed in ogni caso è sempre necessario che sia stato revocato quello precedente.

La rettifica dell’accertamento fiscale, notificata dall’Agenzia delle Entrate, è valida solo se emergono nuovi elementi a carico del contribuente. Dunque, il fisco non può sostituire il primo atto con un secondo, limitandosi a valutare diversamente le stesse circostanze già valutate in precedenza, senza che sia variato qualche elemento. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

Non solo. La giurisprudenza [2] insegna anche che il secondo avviso di accertamento è nullo se viene notificato senza che sia stato prima revocato il precedente. Non si può, insomma, consegnare al contribuente un secondo accertamento quando ancora questi ritiene che quello di prima sia valido.

Unitarietà dell’accertamento

La nostra legge consente di frazionare gli accertamenti in caso di sopravvenuta conoscenza di nuovi elementi: ad esempio, l’Agenzia delle Entrate non può sostituire in autotutela un avviso con un altro modificato, fondando quest’ultimo su una diversa valutazione degli stessi elementi del primo.

Insomma l’Ufficio non può emettere un secondo avviso di accertamento con gli stessi elementi posti a fondamento del primo, ma valutati in maniera diversa.

Inoltre, l’Agenzia delle Entrate, prima di procedere alla notificazione di un nuovo avviso di accertamento per il medesimo anno deve annullare (revocare) quello precedentemente notificato. In caso contrario, l’ufficio viola il principio del divieto della plurima imposizione [3].

note

[1] Cass. sent. n. 11421 del 3.06.2015.

[2] CTP Pisa, sent. n. 622/2014.

[3] Art. 67 del dpr 600/1973.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI