Il nuovo APE: attestato di prestazione energetica e novità 2015

4 giugno 2015


Il nuovo APE: attestato di prestazione energetica e novità 2015

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 giugno 2015



Edifici: arriva il modello APE rinnovato; si passa da 7 a 10 classi di spreco energetico.

Tra meno di un mese cambierà l’APE. L’attestato di prestazione energetica – ossia il documento che serve per determinare l’efficientamento degli immobili – avrà, infatti, a partire dal 1° luglio 2015, una veste completamente rinnovata. Le nuove linee guida sostituiranno quelle per la certificazione energetica emanate nel lontano 2009 [1].

Tra le novità più interessanti spicca l’aumento delle classi energetiche che passeranno dalle attuali 7 classi a 10: in particolare si passa dalla classe migliore, la A4, all’ultima in classifica, la G.

Verrà introdotto uno “schema” di annuncio di vendita e di locazione contenente informazioni uniformi sulla qualità energetica degli edifici: ciò allo scopo di uniformare le informazioni riguardanti la qualità energetica degli edifici riportando anche gli indici di prestazione energetica parziali, come quello riferito all’involucro, quello globale e la relativa classe energetica corrispondente.

Il nuovo APE dovrà riportare gli indici di prestazione energetica parziali, come quello riferito all’involucro, quello globale e la relativa classe energetica corrispondente.

Saranno previsti dei simboli grafici – una sorta di emoticon – per facilitare la comprensione ai non tecnici.

Attestato unico

Verrà introdotto un attestato unico semplificato riguardante tutto il territorio nazionale, con una metodologia di calcolo omogenea per la classificazione delle prestazioni energetiche. Le regioni dovranno adeguarsi entro due anni.

Verrà predisposto un sistema informativo comune per tutto il Paese, dal nome Siape, dove saranno raccolti tutti i dati relativi agli attestati di prestazione energetica affinché le regioni possano effettuare gli opportuni controlli.

Contenuti attestato

Cambia anche il contenuto del nuovo APE: esso dovrà esprimere la prestazione energetica globale sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile. Andranno specificati gli interventi da realizzare sull’edificio distinguendo tra interventi di ristrutturazione edilizia ed interventi di riqualificazione energetica.

La classe energetica dovrà poi essere determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale, espresso in energia primaria non rinnovabile. L’attestato dovrà contenere i consumi energetici non solo per il riscaldamento invernale ma altresì per le attività di raffrescamento estivo, oltre a riportare le emissioni di anidride carbonica e l’energia esportata.

Cos’è l’APE?

È un documento che descrive le caratteristiche energetiche di un edificio, di un’abitazione o di un appartamento.

Il nuovo attestato di prestazione energetica deve essere allegato obbligatoriamente agli atti di trasferimento a titolo gratuito ed ai contratti di vendita e ai nuovi contratti di locazione di immobili (e non ai contratti che siano una proroga di precedenti contratti).

Con l’attribuzione di specifiche classi prestazionali, l’Ape funge da strumento di orientamento del mercato verso gli edifici a migliore rendimento energetico, permettendo ai cittadini di valutare la prestazione energetica dell’edificio di interesse e di confrontarla con i valori tecnicamente raggiungibili, in un bilancio costi/benefici.

L’Ape necessita dell’attribuzione della classe di efficienza energetica e per questo si differenzia dall’Attestato di qualificazione energetica (Aqe).

I due attestati sono, pertanto, chiamati a svolgere ruoli e funzioni ben distinte e non sono tra loro fungibili.

note

[1] Dm 26 giugno 2009.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI