Diritto e Fisco | Articoli

Quando una norma può avere valore retroattivo?

4 Giugno 2015
Quando una norma può avere valore retroattivo?

Efficacia retroattiva di leggi, norme penali e civili, sentenze della Corte Costituzionale e degli altri tribunali: salvo eccezioni, la norma non dispone che per il futuro.

Come regola generale le norme giuridiche non hanno effetto retroattivo: esse, cioè, possono regolare solo casi sorti successivamente all’entrata in vigore della norma stessa e non quelli, invece, già realizzatisi. Per esempio: se il candidato supera un concorso presso una pubblica amministrazione e, successivamente alla sua assunzione, interviene una legge che, per quello stesso posto, prevede l’obbligo di una laurea specifica, il lavoratore non può più essere licenziato.

Infatti le disposizioni sulla legge in generale [1] stabiliscono che “La legge non dispone che per l’avvenire: essa non ha effetto retroattivo”.

Questo divieto, però, non è assoluto e incontra alcune eccezioni. Ed anzi, di recente l’eccezione sta diventando più frequente di quanto dovrebbe essere. Dottrina e giurisprudenza concordano nel ritenere che una norma possa avere valore retroattivo se ciò risponde a un criterio di ragionevolezza e di maggiore giustizia.

Per esempio: sarebbe ragionevole e giusto riconoscere un valore retroattivo a una norma che riconosce tardivamente un certo diritto a una certa categoria di persone.

Le norme penali

Per le norme penali, invece, bisogna fare un discorso a parte. Infatti, la Costituzione [2] – ed essa non può essere derogata (salvo da un’altra norma di pari rango), al contrario della legge ordinaria, come invece le disposizioni generali prima viste – stabilisce quanto segue: “Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso”. In buona sostanza, questo significa che:

  • – le norme penali che comportano un trattamento più sfavorevole a chi ha commesso un reato (per esempio un inasprimento di pena) non possono mai avere efficacia retroattiva;
  • – al contrario, le norme penali che comportamento un trattamento più favorevole (per esempio, cancellano un reato, diminuiscono una pena, ecc.) assumono sempre efficacia retroattiva.

Per esempio: se Tizio sta per essere condannato a due anni di reclusione per un delitto che una norma successiva ha reso punibile con una semplice multa, si salverà dal carcere. E questo perché non è giusto mandare in galera una persona solo perché ha commesso una condotta magari poche ore prima di un altro soggetto, sottoposto invece a un trattamento più favorevole. Di regola, infatti, la norma penale è lo specchio del sentimento del popolo e di quanto “disvalore” viene attribuito a un determinato comportamento. Pertanto, se la legge decide di “alleggerire” il carico sanzionatorio di un reato è perché ritiene che tale condotta non abbia più quel significato forte che in precedenza le si attribuiva. Ecco perché è giusto che la sanzione abbia efficacia retroattiva anche a chi stava per essere condannato o a chi già stava scontando la pena.

Le sentenze della Corte Costituzionale

Attenzione a non confondere: le sentenze della Corte Costituzionale hanno, di fatto, valore retroattivo perché esse (quando accolgono un ricorso) cancellano dal nostro ordinamento una legge. In pratica è come se la norma non fosse mai esistita e ciò non può che riversarsi anche sui fatti passati perché il giudizio di contrarietà della disposizione alla nostra Costituzione riguarda non solo il presente e il futuro, ma anche il passato. Un esempio di questi giorni: se una norma di legge sospende la rivalutazione delle pensioni all’aggiornamento ISTAT e poi interviene una sentenza della Corte Costituzionale ad annullare tale legge, i pensionati che negli anni precedenti non hanno ottenuto la perequazione maturano subito diritto ad ottenerla. Così come, se una sentenza della Corte Costituzionale cancella un’agevolazione fiscale, i contribuenti saranno chiamati a versare la differenza.

Le altre sentenze

Le sentenze dei giudici sono cosa completamente diversa dalle sentenze della Corte Costituzionale. Esse infatti hanno solo valore interpretativo e valgono solo per le parti in causa e non per tutta la collettività (come invece le sentenze della Corte Costituzionale). Ecco perché, quando si sente dire che la Cassazione o un altro Tribunale, ha dichiarato che il proprietario di casa ha diritto a ottenere il pagamento dei canoni di locazione anche se l’inquilino non abita l’appartamento per ragioni personali, non si fa altro che chiarire la portata di una legge, per come l’ha sempre avuta.


Regola generale: le norme giuridiche non hanno valore retroattivo.

Le norme di diritto penale hanno efficacia retroattiva solo se contengono disposizioni più favorevole a chi ha commesso un reato.

Le altre norme possono avere efficacia retroattiva solo quando ciò corrisponda a criteri di ragionevolezza e di maggiore giustizia.

note

[1] Art. 11 disposizioni sulla legge in generale.

[2] Art. 25, co. 2.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Buongiorno

    quindi con la legge di stabilità del gennaio 2016 non è lecito chiedere l’adeguamento per la perdita di agevolazione sulla prima casa a chi ha rogitato a marzo 2015. Quest’ultimo non beneficia di fatto di un anno di tempo per vendere l’abitazione acquistata in precedenza con lo stesso beneficio. Dovrebbe venderla entro marzo 2016 con solo 3 mesi di tempo per adeguarsi alla nuova legge

  2. se una associazione professionale prevede nel suo statuto la non eleggibilità dopo 2 mandati dei dirigenti, Se si cambia lo statuto per alcuni cose, fermo restando la non eleggibilità, E’ vero che chi ha già fatto due mandati può essere rieletto perchè i tutto ricomincia dalla Statuto nuovo? Io ritengo che la norma nuova non può annullare gli effetti della norma di prima, fra l’altro stessa norma.

  3. Secondo il vostro parere il diritto di abitazione dei coniugi superstiti che vivono nell’abitazione del nucleo familiare, riconosciuto con il diritto di famiglia entrato in vigore nel 1975, può essere esteso ai soggetti rimasti vedovi prima del 1975, quando la legge assegnava solo un terzo dell’usufrutto?
    Io lo inserirei fra le norme che riconoscono tardivamente un certo diritto ad una certa categoria di persone, evitando disparità di trattamento, soprattutto se gli altri eredi non eccepiscono.

  4. Grazie, ma il quesito posto da me, era assolutamente di altra natura.
    Grazie per l’interessamento
    Antonino Reginella

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube