Business | Articoli

Detrazione spese notarili: atto di mutuo e rogito

29 Maggio 2016
Detrazione spese notarili: atto di mutuo e rogito

Quando e come è possibile detrarre dalle tasse il costo sostenuto per il notaio nell’acquisto di una casa? Ecco tutte le indicazioni.

Il contratto di mutuo per la casa, che sia abitazione principale, sia che si tratti di acquisto, sia che si tratti di costruzione, è detraibile. Vediamo come e in che misura.

Come si detraggono le parcelle del Notaio?

Sui costi sostenuti per i servizi resi dal Notaio, come per tutte le spese assolutamente necessarie per la stipula del contratto di acquisto, vige una possibilità di detrazione al 19%.

Con riferimento alla fattura emessa dal notaio per il contratto di mutuo relativo alla prima casa del contribuente, sono detraibili al 19% in particolare, le seguenti voci:

  • le spese sostenute dal notaio per conto del cliente dunque, ad esempio, l’iscrizione e la cancellazione dell’ipoteca;
  • l’onorario del notaio per la stipula del contratto di mutuo

Le spese sono detraibili su un importo massimo di 4mila euro (comprensivi di interessi, oneri accessori e quote di rivalutazione sostenuti.

Detrazione delle spese di rogito e compravendita

Sono invece escluse dalla detrazione del 19% le spese relative al contratto di compravendita, ovvero al rogito. Qualora la fattura del notaio dovesse riportare sia l’onorario per la stipula del contratto di mutuo che le spese sostenute per il contratto di compravendita, ai fini della detrazione delle prime è necessario che i due importi siano dichiarati separatamente in fattura.

Tieni inoltre presente che è possibile detrarre gli altri oneri accessori relativi al mutuo. Per sapere come, consulta il nostro approfondimento Detrazione mutuo: quali oneri accessori sono ammessi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube