Diritto e Fisco | Articoli

Mantenimento dei figli anche se il genitore è disoccupato?

8 Giugno 2015 | Autore:
Mantenimento dei figli anche se il genitore è disoccupato?

Separazione: i genitori devono garantire ai figli un tenore di vita analogo a quello precedente; la mancanza di un lavoro del genitore non convivente non fa cessare l’obbligo a versare un assegno che, in tal caso, va quantificato in base alla generica capacità lavorativa.

 

Anche dopo la separazione dei genitori, i figli hanno diritto di continuare a godere di un tenore di vita corrispondente alle risorse economiche della famiglia e il più vicino possibile a quello che avevano prima della divisione dei coniugi. Non è una valida ragione per smettere di pagare il mantenimento l’eventuale disoccupazione in cui versi il genitore che non vive stabilmente con la prole; in tal caso, però, l’assegno va calcolato sulla base della generica capacità del genitore di procurarsi un reddito e può, semmai, consistere in un contributo che comprenda tanto le spese ordinarie che straordinarie. È quanto affermato dal Tribunale di Milano in una recente pronuncia [1].

 

Nello specifico il giudice meneghino ricorda che, anche in caso di separazione dei coniugi, non viene meno il generale dovere dei genitori di mantenere, istruire ed educare i figli [2]: dovere che impone ad entrambi i genitori di affrontare molteplici esigenze. Esse non consistono solo in quelle alimentari, ma riguardano anche l’aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, l’assistenza morale e materiale, la opportuna predisposizione di una organizzazione domestica stabile, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione dei figli, anche in ragione della loro specifica età.

Circa, poi, i criteri necessari per stabilire in che modo i genitori debbano concorrere, al fine di mantenere i figli, negli oneri finanziari, va dato valore anche alla loro capacità, sia pur potenziale, di procurarsi un reddito: la legge [3], infatti, oltre a fare riferimento alle rispettive sostanze, richiama anche la capacità di lavoro, professionale o casalingo, di ciascun coniuge. Tale capacità – si legge nella sentenza in commento – nel caso di genitore in giovane età, deve ritenersi implicita (salvo prova contraria), tanto più se la documentazione prodotta in giudizio evidenzi l’assenza di debiti a carico del genitore obbligato, dato questo che rappresenta un chiaro sintomo di una autonomia economica, anche minima.

Pertanto, se pure è vero che ciascuno dei genitori è tenuto a provvedere al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito (salvo diversi accordi) [4], lo stato di disoccupazione, anche se incolpevole, non esonera dall’obbligo di mantenimento [5] ma, in mancanza di ulteriori parametri (come ad esempio la presenza di rendite), va calcolato sulla base della generica capacità lavorativa del genitore obbligato.

La disoccupazione del genitore che non convive con i figli, precisa il giudice, può tutt’al più giustificare (esaminato ogni aspetto relativo al caso concreto) un provvedimento che stabilisca l’obbligo di versare un contributo per la prole onnicomprensivo; in tal caso, le spese straordinarie (di norma escluse dall’assegno e dovuta per metà da ciascun genitore) saranno integralmente a carico del genitore convivente con la prole.


note

[1] Trib. Milano, decr. del 15.04.2015.

[2] Art. 147 cod. civ.

[3] Art. 316-bis c.c. (già art. 148 c.c.).

[4] Art. 337 cod. civ.

[5] Cfr. Cass. sent. n. 41040/2012 e n 12125/1993.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube