Diritto e Fisco | Articoli

Dopo quanto tempo si prescrivono gli oneri condominiali?

10 Giugno 2015
Dopo quanto tempo si prescrivono gli oneri condominiali?

Entro quanto tempo pagare gli oneri di condominio: la prescrizione si compie dalla delibera di approvazione del rendiconto e dello stato di riparto.

Quando arriva l’amministratore a riscuotere le spese condominiali non è mai un bel momento e questo perché, oltre agli importi fissi (prevedibili con una certa facilità) ci sono spesso quelli variabili, collegati a esigenze straordinarie, conguagli, oneri legali o consumi per utenze centralizzate. Sono quelli che, di norma, incidono di più sulla “bolletta” da pagare all’amministratore di condominio.

Ma a volte, complice anche l’indolenza nell’attività di riscossione, le trattative e le concessioni, gli importi non vengono richiesti per diverso tempo e, quindi, “scadono” o meglio – come si dice in gergo giuridico – “cadono in prescrizione”. In altre parole, non bisogna più pagare!

Fermo restando che pagare i debiti condominiali è una questione anche di rispetto verso tutti gli altri proprietari di immobili – cui, altrimenti, verrebbero interrotti i servizi condominiali che, invece, questi hanno correttamente pagato – e che, in caso di morosità, esistono rimedi per il recupero dei crediti senza passare dal tribunale, una recente sentenza della Cassazione [1] ha chiarito entro quanto tempo si compie la prescrizione delle spese condominiali.

Le spese condominiali – si legge in sentenza – si prescrivono in cinque anni. Questo perché si applica la norma del codice civile [2] che stabilisce tale termine per tutte le somme da pagarsi periodicamente almeno una volta all’anno o in termini più brevi. Di certo, la periodicità con cui vengono corrisposti gli interessi condominiali è inferiore al trimestre (talvolta sono mensili, altre bimestrali o trimestrali, a seconda degli accordi tra condomini e amministratore). Tuttavia, l’obbligo giuridico vero e proprio scatta dalla delibera di approvazione del rendiconto e dello stato di riparto, delibera che, appunto, va votata almeno una volta all’anno.

 Da quando decorre il termine di prescrizione?

I cinque anni, dunque, cominciano a decorrere proprio dall’approvazione della suddetta delibera di approvazione del rendiconto, perché è da tale momento che scatta l’obbligo al pagamento.


note

[1] Cass. sent. n. 4489/14 (inedita).

[2] Art. 2948, n. 4, cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube