Contanti: si alza la soglia oltre mille euro

11 giugno 2015


Contanti: si alza la soglia oltre mille euro

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 giugno 2015



I pagamenti cash potranno superare 1000 euro: i dati dimostrano che l’evasione non è scesa; l’Italia ritornerà in linea con gli altri Paesi europei.

Sembra ormai cosa fatta: l’intesa tra Governo e Parlamento per innalzare l’attuale limite di mille euro all’uso del contante sarebbe quasi raggiunta. Insomma, il tetto per i pagamenti con denaro cash sarà più alto. È prematuro ancora dire a quanto ammonterà il nuovo limite anche se si parla di 3mila euro.

La revisione potrebbe arrivare in tempi molto stretti ha sottolineato Paolo Tancredi, tra i firmatari della mozione presentata dal gruppo di Area popolare i quali affermano aver trovato un punto di incontro con il Pd.

Ricordiamo che l’attuale tetto massimo per i pagamenti in contanti è di 999,99 euro, mentre per quelli che vanno da 1.000 euro a salire è necessario l’utilizzo di strumenti tracciabili come il bonifico, l’assegno non trasferibile, l’uso delle carte di credito o di debito, ecc.

Il via libera potrebbe essere subordinato all’ingresso di nuove misure per incentivare i pagamenti elettronici come, ad esempio, il varo della tanto sudata riforma della normativa sui Pos, una riforma che imponga le sanzioni al commerciante o al professionista che non ne sia munito. Una precisazione, quest’ultima, che viene direttamente dal viceministro all’Economia, Enrico Morando ha confermato l’impegno al Governo a incentivare l’uso di strumenti non contanti come condizione per rivedere anche i limiti per l’uso del contante.

La nuova soglia sarebbe peraltro in linea con quelle degli altri Paesi europei e potrebbe trovare posto tra le possibili modifiche al decreto attuativo della delega fiscale sulla fatturazione elettronica, ora all’esame delle Commissioni Finanze delle Camere per il parere.

Nella mozione presentata al Governo si pone in evidenza il fallimento della limitazione all’uso del contante come strumento di contrasto all’evasione. Come si legge nel documento, nonostante l’abbassamento della soglia limite (che è passata da 5mila a mille euro) c’è stato un incremento dell’evasione che ha sfiorato il 16% del prodotto interno lordo, per poi ridiscendere nel 2012 sotto quota 14%.

In questo senso la mozione impegna il Governo a intervenire, “rispetto alle norme contenute nella delega fiscale, in materia di tracciabilità dei pagamenti e di fatturazione elettronica” prevedendo un innalzamento della soglia limite dei 1.000 euro e “ponendo l’Italia in linea con gli altri Stati europei”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI