Tech | News

Twitter toglie il limite dei 140 caratteri ai messaggi diretti

12 Giugno 2015 | Autore:
Twitter toglie il limite dei 140 caratteri ai messaggi diretti

Dopo le dimissioni di Dick Costolo, la piattaforma di microblogging si appresta a grandi cambiamenti tra cui la possibilità di inviare messaggi diretti più lunghi dei soliti 140 caratteri, limite che invece rimarrà per i messaggi pubblici.

In questi anni Twitter è diventato un vero e proprio fenomeno sociale, con oltre 300 milioni di utenti che ogni giorno inviano più di 500 milioni di messaggi. Un fenomeno che è sotto gli occhi di tutti, visto che non c’è trasmissione televisiva o testata giornalistica attraverso la quale non si possa interagire con i tweet.

Eppure un tale successo non ha portato nelle casse dei suoi fondatori quella montagna di dollari come è accaduto a Facebook. Nonostante gli sforzi, Twitter non è riuscita a monetizzare il gran numero di utenti attivi e così, l’attuale CEO Dick Costolo ha deciso di rassegnare le dimissioni.

La notizia è stata comunicata alla chiusura della Borsa americana, per evitare che potesse influire sull’andamento del titolo, già sceso di circa il 30% dopo l’ultima trimestrale. Nell’attesa di trovare un valido sostituto, la carica di CEO ad interim verrà presa dal co-fondatore Jack Dorsey.

Ma le dimissioni di Dick Costolo, che comunque continuerà a far parte del consiglio di amministrazione dell’azienda, non sono l’unica importante notizia di ieri. Twitter ha infatti fatto sapere che nel prossimo mese verrà rimosso il limite dei 140 caratteri per i messaggi diretti. Limite che invece continuerà ad esistere per i messaggi pubblici.

Questo importante cambiamento non avverrà subito, ma solo nel mese di luglio per permettere agli sviluppatori di aggiornare le loro app.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube