Diritto e Fisco | Articoli

E-commerce: come avviare un’attività

14 Giugno 2015


E-commerce: come avviare un’attività

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 Giugno 2015



Leggi e normative, regole di mercato e di marketing: qualche consiglio pratico per vendere, attraverso un’e-commerce, i propri prodotti su internet.

E-commerce: tutti ne parlano, ma in pochi ancora sanno come funziona: in questa breve guida cercheremo di darvi qualche suggerimento pratico e, soprattutto, spiegarvi cosa prevede la legge in materia.

A volte le crisi economiche sono più che altro uno spostamento della domanda verso altri mercati cui le vecchie imprese non sono in grado di adeguarsi immediatamente. Il fenomeno dell’e-commerce ha determinato un deciso scossone nella vendita al dettaglio: gli stessi produttori hanno ritenuto più conveniente distribuire i propri prodotti tramite internet che non attraverso una rete di rivenditori, sistema sicuramente più costoso. Un esempio sono le librerie, i rivenditori di cd, dvd e prodotti di tecnologia di largo consumo (chiavette usb e memorie esterne, primi tra tutti).

Per avviare un’attività di e-commerce non basta avere un sito internet e un buon programmatore. Bisogna rispettare alcune strategie di mercato, di marketing e, soprattutto, una fitta serie di norme giuridiche.

 

Strategie di mercato

Circa le prime, è chiaro che una partnership con i marketplace potrebbe essere estremamente conveniente (si pensi e-Bay, Amazon, ecc.). Ma avere un sito di proprietà, con una propria piattaforma è anche una garanzia di affidabilità per la clientela: servirà, infatti, per dare utili indicazioni sull’azienda, sul catalogo, sul listino prezzi, sulle sedi operative e, magari, un’area dedicata alla sezione “Dicono di noi”.

Il sito deve fornire le informazioni che permettano di identificarne correttamente il titolare con nome, sede e partita Iva. È inoltre obbligatorio indicare un indirizzo di posta elettronica e gli estremi che permettono di contattare il titolare del sito Internet con facilità. Devono poi essere riportati in modo chiaro ed inequivocabile i prezzi e le tariffe dei servizi o dei beni offerti, specificando se gli importi indicati siano comprensivi o meno di imposte e costi aggiuntivi. Per i siti Internet dei professionisti, devono inoltre essere presenti le indicazioni relative all’Ordine di appartenenza e il titolo professionale. Tutte le informazioni devono essere costantemente aggiornate.

A tal fine sarà anche necessario attivare un account con una banca intermediaria come potrebbe essere, per esempio, Paypal, per la registrazione dei pagamenti online dei clienti che utilizzano la carta di credito.

Strategie di marketing

In secondo luogo, è molto importante la comunicazione. E, ovviamente, trattandosi di attività sul web, la pubblicità deve partire proprio da qui.

Numerosi sono i canali. Sicuramente aprire una propria pagina Facebook può essere estremamente importante anche per comprendere i gusti della clientela e capire cosa piace di più attraverso i “like”. Diffondere anche dei contenuti informativi, con un testo, potrebbe aiutare i clienti a comprendere i prodotti: e pertanto, oltre al sito statico, sarà necessario munirlo di un’area “dinamica”, ove cioè si possano pubblicare pagine con contenuti editoriali da postare sui social network. La viralità di questi ultimi è forse il motore più forte, che oggi esista, della pubblicità.

Peraltro potrete anche pensare a una “campagna like”, pagando Facebook, che aumenti la portata della vostra pagina. Con circa 500 euro di spesa, si possono ottenere diverse centinaia di nuovi utenti.

Altro strumento di pubblicità online molto diffuso è Google Adwords, il sistema di pubblicità gestito direttamente dal motore di ricerca americano. In questo caso, se non si è pratici e non si ha tempo per smanettare e comprenderne il funzionamento, conviene valersi di un consulente apposito (ve ne sono tanti in rete, quindi bisognerà scegliere con una certa cura). In buona sostanza con Adwords avete la possibilità di definire un budget giornaliero di spesa, da destinare a inserzioni sui siti che hanno dato la disponibilità, a Google, di riempiere i propri spazi con banner pubblicitari. In questo caso, vi verrà scalato il credito ad ogni clic ricevuto sull’inserzione.

Regole giuridiche

Per l’avvio di un’attività di commercio on line completamente nuova, da parte di un nuovo operatore, è necessario:

– presentare la Scia;

– entro 30 giorni dall’inizio dell’attività, mediante la “comunicazione unica”, da presentare al Registro delle imprese, provvedere all’iscrizione al Registro imprese della Camera di Commercio e contestualmente alla gestione Inps;

– ottenere, dall’Agenzia delle Entrate, l’attribuzione della partita Iva, compilando il modello AA9/11 per le persone fisiche o AA7/10 per gli altri soggetti;

– comunicare all’agenzia delle Entrate l’indirizzo del sito web, i dati identificativi dell’Internet service provider, l’indirizzo e-mail, il numero di telefono e di fax;

– qualora si intenda effettuare l’attività in ambito Ue, è necessaria anche l’iscrizione nel Vies.

Se invece non si tratta di nuova attività, ma l’impresa è già operativa e ha semplicemente provveduto ad implementare un sito web con cui effettuare e-commerce, occorre:

– aggiungere il relativo codice attività “47.91.10 commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via Internet” all’attuale partita Iva, come attività secondaria;

– comunicare alla Cciaa lo svolgimento dell’ulteriore attività di vendita al dettaglio per corrispondenza.

In caso di omessa variazione del codice presso la Cciaa in base all’articolo 2630 Codice civile, si applica una sanzione amministrativa pecuniaria (da 103 a 1.032 euro). Nel caso in cui la denuncia, la comunicazione o il deposito al registro imprese siano effettuati nei 30 giorni successivi alla scadenza dei termini, la sanzione è ridotta ad un terzo.

Contrattualistica

Attenzione ai contratti. Utilizzare dei modelli scaricati da internet potrebbe costarvi caro: infatti, in caso di controversie, potreste scoprire che molte clausole sono nulle.

Difatti, quello che non tutti sanno è che, se il contratto contiene clausole vessatorie, queste necessitano della doppia sottoscrizione: sottoscrizione, però, che va fatta per iscritto e, quindi, non può essere accettata tramite il clic del mouse. Così sarà necessario quantomeno farsi mandare un fax con la stampa del contratto e la firma a mano del cliente (leggi “Inefficaci le clausole vessatorie sul web”).

Per tutto il resto del contratto, la forma telematica è più che sufficiente. E questo perché per le compravendite online non è richiesta necessariamente la forma scritta. Per cui può ben essere sottoscritto mediante point and click, cioè cliccando con il mouse (o altro puntatore) su di un “tasto virtuale” presente sullo schermo del computer.

Al consumatore deve esser reso esplicito nella maniera più chiara che sta passando dalle informazioni su un prodotto all’acqusito del prodotto stesso.

Attenzione però: insieme ad esso sarà necessaria l’informativa sulla privacy e, come da recenti indicazioni del Garante della Privacy, quella sui cookies.

Diritto di recesso

Ricordatevi che, in tema di contratti col consumatore fuori dai luoghi commerciali, quest’ultimo ha il diritto di recedere entro 14 giorni dalla conclusione del contratto (nel caso di contratti di servizi), oppure dal giorno in cui il consumatore riceve i beni. L’informativa sul diritto di recesso deve essere fornita dal venditore nelle condizioni generali della vendita; in mancanza, il termine per il valido esercizio del diritto stesso è prorogato a dodici mesi decorrenti dalla fine del periodo di recesso iniziale.

Qualora sorga una causa

Se dovessero sorgere contestazioni con il cliente, la competenza a decidere la causa è del giudice di pace per le cause (relative a beni mobili o a somme di denaro) di valore non superiore a 5mila euro; se si supera questo tetto, la competenza è del tribunale.

Trattandosi di materia sottoposta al codice del consumo, il giudice competente è quello del luogo di residenza o di domicilio del consumatori (non c’è modo di derogare a tale norma). Se invece il vostro cliente è un’azienda allora la competenza sarà determinata nel luogo della sede del convenuto (in pratica, chi inizia la causa gioca sempre “fuori casa”).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI