Business | Articoli

Assunzione giovani ricercatori: 18 milioni disponibili in 2 anni

31 Maggio 2016
Assunzione giovani ricercatori: 18 milioni disponibili in 2 anni

Per i Dottori di ricerca presto nuove opportunità di impiego, grazie al decreto di assunzione ricercatori presso gli enti pubblici di ricerca.

Il MIUR ha emanato a febbraio il decreto [1] che dando esecuzione alla Legge di Stabilità 2016 [2] stabilisce i criteri per l’assunzione di ricercatori negli enti pubblici di ricerca. Le risorse stanziate sono pari a 8 milioni di euro per l’anno 2016 e a 9,5 milioni di euro a decorrere dall’anno 2017.

Per il 2016, le risorse assegnate e non utilizzate restano nella disponibilità di ciascun ente come assegnazione ordinaria dell’anno. A decorrere dal 2017, invece, tali risorse saranno destinate, con la medesima finalità, agli altri enti che hanno completato le assunzioni in misura proporzionale ai fondi ricevuti.

Assunzione ricercatori: quanti posti disponibili?

Nell’anno 2016 i posti disponibili saranno corrispondenti a circa 180 assegni, per un importo unitario di 43.867 euro annui per ciascuna assunzione di ricercatore, comprensivo degli oneri a carico dell’ente.

Le assunzioni non sono vincolate al rispetto delle graduatorie vigenti a seguito di procedure di selezione già bandite dagli istituti, di conseguenza sarà possibilee dare un’opportunità di accesso ai giovani studiosi e ai giovani dottori di ricerca.

Ecco i requisiti per esser assunti.

Assunzione ricercatori: quali requisiti?

I giovani studiosi dovranno avere conseguito un dottorato di ricerca da non più di 5 anni e non dovranno far parte dei ruoli di ricercatore a tempo indeterminato degli enti di ricerca, (ma i titolari di contratto a tempo determinato potranno avere accesso alle procedure di selezione).

Ecco gli altri criteri di merito:

  • l’aver ottenuto particolari riconoscimenti nazionali o internazionali;
  • l’aver maturato almeno tre anni di esperienza, a qualsiasi titolo, in centri di ricerca, nazionali o internazionali, pubblici o privati;
  • l’aver diretto o coordinato progetti di ricerca competitivi nazionali o internazionali.

note

[1] Decreto MIUR del 26 febbraio 2016

[2] L. 208/2015


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube