HOME Articoli

Lo sai che? Stop abogados in Cassazione

Lo sai che? Pubblicato il 17 giugno 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 giugno 2015

L’avvocato non iscritto all’Albo italiano dei cassazionisti non può far valere l’abilitazione alla professione forense davanti alla Corti Superiori, conseguita in Spagna.

All’avvocato non basta aver preso l’abilitazione in Spagna per la difensa davanti alle “Corti superiori” per poter poi esercitare, anche in Italia, la professione davanti alla Cassazione: è necessario, infatti, che anche i cosiddetti abogados siano iscritti nella speciale sezione prevista per gli avvocati “stabiliti”, e che quindi abbiano maturato almeno 12 anni di anzianità professionale (salvo le nuove regole sull’iscrizione all’albo dei cassazionisti entrate in vigore con l’ultima riforma forense). È la stessa Suprema Corte a riferirlo con una sentenza di ieri [1].

Nuova puntata, quindi, nella eterna contesa tra regole europee sulla libertà di stabilimento e di circolazione dei servizi da un lato, e norme interne sulla regolamentazione delle professioni dall’altro: al centro della vicenda, di nuovo il tentativo dei legali di superare, attraverso le meno restrittive regole spagnole, le rigidità della normativa italiana.

A spezzare le speranze degli “avvocati con la valigia”, è intervenuta la stessa Suprema Corte, secondo cui il ricorso per Cassazione deve essere sempre sottoscritto da un difensore iscritto nell’apposito albo speciale [2]: in difetto, si ha una causa di inammissibilità dell’atto di impugnazione che non potrebbe essere sanata neanche dal successivo conseguimento, da parte del difensore stesso, dell’abilitazione in questione, né dai motivi nuovi che fossero presentati da un difensore cassazionista intervenuto dopo la scadenza del termine per impugnare.

Quindi, il difensore con la diversa abilitazione professionale conseguita in Spagna deve comunque dimostrare, per l’esercizio del patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori, la sua iscrizione nella sezione speciale dell’albo degli avvocati cassazionisti.

note

[1] Cass. sent. n. 25210 del 16.06.2015.

[2] Di cui all’art. 6 Dlgs n. 96 del 2001 (SU 28340/2011).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI