Diritto e Fisco | Articoli

Garanzia giovani: valido per i praticanti?

22 giugno 2015


Garanzia giovani: valido per i praticanti?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 giugno 2015



Sono praticante di uno studio professionale: posso rientrare in Garanzia Giovani e quali sono i criteri per poter ottenere i benefici per l’assunzione?

L’incentivo spetta ai datori di lavoro che assumono giovani che si registrano al programma tramite iscrizione al portale Garanzia Giovani (Youth Guarantee), www.garanziagiovani.gov.it [1].

Possono registrarsi i giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, cosiddetti Neet – Not (engaged in) Education, Employment or Training – cioè non inseriti in un percorso di studi, non occupati, né inseriti in un percorso di formazione [3]; i minorenni possono registrarsi se hanno assolto al diritto-dovere all’istruzione e formazione. Il programma permette di fare una vera esperienza in azienda e ha, generalmente, una durata di 6 mesi (12 mesi nel caso di disabili o svantaggiati ai sensi di legge [4]).

Il requisito di età si intende posseduto se, il giorno della registrazione al “programma”, il giovane non ha ancora compiuto il trentesimo anno di età.

Quanto ai praticanti di studi professionali, bisogna fornire un chiarimento. Sebbene i termini “tirocinio” e “pratica” vengano spesso utilizzati come sinonimi, essi tuttavia indicano due rapporti completamente differenti.

Infatti, la pratica professionale è regolamentata da discipline specifiche per ogni professione, emanate dai singoli Ordini o Albi, ed è finalizzata all’abilitazione per lo svolgimento di una determinata professione regolamentata da normative specifiche.

Al contrario, il tirocinio, cui fa riferimento il programma Garanzia giovani – programma europeo per favorire l’occupazione e l’avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro – può essere svolto dai giovani tra 15 e 29 anni non impegnati in un’attività lavorativa né inseriti in un corso scolastico o formativo, per offrire loro opportunità di orientamento, formazione e inserimento al lavoro: un concetto, insomma, completamente diverso da quello del praticante.

note

[1] Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 22 aprile 2013 sull’istituzione di una garanzia per i giovani – 2013/C 120/01. Cfr. Inps circolare 118/2014.

[2] D.lgs. n. 181/2000.

[3] In conformità a quanto previsto dall’art. 16 del regolamento Ue 1304/13.

[4] Legge 381/91.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. È quindi quanto sopra significa che il praticante legale non può aderire a garanzia giovani?

  2. Buonasera,
    a conclusione del periodo (obbligatorio) di pratica legale, sarebbe invece possibile accedere al programma di Garanzia Giovani e quindi svolgere il tirocinio presso uno Studio Legale?
    Grazie

  3. Io ho concluso il praticantato ma dalla conclusione dello stesso sono passati solo alcuni mesi…posso candidarmi per un tirocinio di Garanzia Giovani?
    Sarebbe gradita una risposta celere in quanto la scadenza per la candidatura è tra pochi giorni.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI