Aste: vendite giudiziarie ora su internet, non più in tribunale


Aste: vendite giudiziarie ora su internet, non più in tribunale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 giugno 2015



Pignoramenti immobiliari: le aste avverranno tramite il portale delle vendite pubbliche gestito dal Ministero della giustizia.

Ieri è stato approvato il decreto legge che consente di intraprendere le esecuzioni forzate immobiliari, con tutta la fase d’asta, attraverso internet: nasce così il portale delle vendite pubbliche.

La riforma contenuta nel dl rinnova anche le procedure concorsuali in materia fallimentare: il tutto allo scopo di velocizzare i pignoramenti immobiliari che stagnano nei tribunali decine di anni e, spesso, vedono i fascicoli distrutti, smarriti e sottratti. Insomma, addio alla carta, alle candele, al martelletto del giudice e a tutte le immagini tradizionali che evocano le vendite all’asta in tribunale. Da ora le vendite al miglior offerente si svolgeranno dietro il monitor di un computer, anche al fine di garantire la massima informazione sulle procedure esecutive e aumentare la trasparenza delle vendite giudiziarie.

Nasce anche il portale unificato delle vendite giudiziarie dal quale ciascun interessato alla partecipazione alle aste potrà acquisire informazioni relative alle vendite giudiziarie. Ci sarà un’unica area web gestita dal Ministero della giustizia. Finisce così anche l’era dei tanti portali privati che contengono la pubblicazione degli avvisi di vendita: insomma, informazioni non più frammentarie e disperse nel grande mare di Internet, ma tutto su un unico sito pubblico.

Come sempre, i costi della procedura esecutiva saranno anticipati dal creditore: si parla, a riguardo, di un contributo spese pari a 100 euro (per ciascun atto esecutivo), dovuto per la pubblicazione sul portale delle vendite pubbliche degli atti esecutivi, riguardanti beni immobili o mobili registrati.

L’importo sarà adeguato ogni tre anni in base agli indici Istat. Si potrà procedere alla pubblicazione solo dopo aver esibito la prova del suddetto pagamento.

Per ogni asta, bisognerà obbligatoriamente disporre la pubblicazione dell’avviso (cosiddetta “pubblicità”) sul portale delle vendite pubbliche. Se tale pubblicazione non viene eseguita nel termine stabilito dal giudice, il giudice deve dichiara con ordinanza l’estinzione del processo esecutivo.

La pubblicazione sul portale delle vendite pubbliche dovrà essere effettuata a cura del professionista delegato per le operazioni di vendita o del commissionario o, in mancanza, del creditore procedente.

Le modalità tecniche saranno prescritte dal responsabile per i sistemi informativi automatizzati del ministero della giustizia e saranno rese disponibili mediante pubblicazione nell’area pubblica denominata “portale delle vendite pubbliche”.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. non riesco a trovare traccia sul web sulle ricerche delle vendite all’asta sul “portale delle vendite pubbliche”. E’ operativo?
    grazie per chi volesse rispondere

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI