HOME Articoli

Lo sai che? Carta di credito o bancomat: furto o smarrimento, la banca risarcisce

Lo sai che? Pubblicato il 24 giugno 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 giugno 2015

Se qualcuno ti ha rubato la carta, la velocità del prelievo dal tuo conto corrente non prova automaticamente la mancanza di diligenza nella custodia del pin: banca tenuta a restituire le somme trafugate.

Se hai smarrito il bancomat o la carta di credito e, dopo appena cinque minuti, dal tuo conto corrente scompare una ingente somma di denaro, cosa potrebbe pensare la tua banca? Che il ladro non ha avuto difficoltà a trovare il pin della carta e che pertanto, molto probabilmente, lo avevi conservato proprio dentro il portafogli rubato. E allora la tua richiesta di restituzione delle somme sottratte dal malvivente verrebbe bollata con un secco “no”: e questo perché la legge stabilisce che la banca è tenuta a restituirti gli importi trafugati dal conto corrente a condizione che tu abbia custodito diligentemente tanto il bancomat (o la carta di credito) quanto il pin e, soprattutto, che tu non abbia conservato entrambi nello stesso posto, agevolando il lavoro al malvivente (leggi: Furto di carta di credito o bancomat: quando la banca restituisce i soldi”). In ogni caso, è la banca che deve dare tale prova, ossia dimostrare tale tua negligenza.

Senonché è di qualche mese fa una interessante sentenza dell’Arbitro Bancario e Finanziario [1] che viene in soccorso dei correntisti. Secondo l’ABF, l’istituto di credito non può presumere la grave negligenza del correntista nella custodia separata della carta e del corrispondente pin solo per via del breve lasso di tempo intercorso tra il furto e l’utilizzo dello strumento di pagamento. Si tratta di semplici presunzioni che non possono giustificare il rifiuto della banca alla restituzione delle somme sottratte.

Insomma, la banca, se non vuole rimborsare al proprio cliente gli importi rubati deve dare una prova puntuale della mancata adozione, da parte di quest’ultimo, di misure idonee per la custodia diligente della carta e del relativo pin.

Leggi anche “Furto, clonazione o smarrimento di bancomat o carta di credito: che fare”.

note

[1] ABF decisione del 29.04.2015.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI