Business | Articoli

Chi può essere considerato familiare a carico?

6 Giugno 2016 | Autore:


> Business Pubblicato il 6 Giugno 2016



Quando le spese di familiari possono essere detratte dal contribuente? Ecco chi può essere considerato un familiare a carico.

Permettere di scaricare le spese o ottenere dei bonus per la presenza di familiari a carico è una policy di welfare che è orientata a tutelare le famiglie numerose o allargate di recuperare alcuni dei costi sostenuti quando si verificano condizioni di reddito particolari. Ecco i familiari che possono essere considerati a carico e quali sono le condizioni necessarie.

Coniugi e figli anche se residenti all’estero e non conviventi

Anche se non residenti con il contribuente o residenti all’estero sono ammissibili come familiari a carico i seguenti familiari:

  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • i figli (compresi i figli naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati) indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito; gli stessi pertanto ai fini dell’attribuzione della detrazione non rientrano mai nella categoria “altri familiari”.

Nell’anno di imposta il reddito complessivo del familiare, perchè egli possa essere considerato “a carico”, deve essere uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Al superamento di questa cifra non spetta neppure in parte, anche nel caso in cui il reddito sia stato percepito unicamente negli ultimi mesi dell’anno.

Altri familiari: a carico solo se vivono col contribuente o percepiscono assegni alimentari

Possono essere considerati a carico anche i seguenti altri familiari, a condizione che convivano con il contribuente o che ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità giudiziaria:

  • il coniuge legalmente ed effettivamente separato;
  • i genitori (compresi i genitori naturali e quelli adottivi);
  • i discendenti dei figli;
  • i generi e le nuore;
  • i fratelli e le sorelle (anche unilaterali);
  • il suocero e la suocera;
  • i nonni e le nonne (compresi quelli naturali).

In questi casi il limite di reddito sopra citato non deve essere superato, ma al contempo è fondamentale che sussista la condizione di convivenza con il contribuente o del loro mantenimento tramite assegno dello stesso.

Il limite di reddito: cosa deve essere sommato

All’interno del citato limite di reddito di 2.840,51 euro che il familiare deve possedere per essere considerato fiscalmente a carico, sarà necessario sommare anche alcune somme che normalmente non sono considerate nel reddito complessivo, ma che invece rilevano ai fini del controllo del reddito relativo al mantenimento della coazione di familiare a carico. Eccole nello specifico:

  • le retribuzioni corrisposte da Enti e Organismi Internazionali, da Rappresentanze diplomatiche e consolari, da Missioni, dalla Santa Sede, dagli Enti gestiti direttamente da essa e dagli Enti centrali della Chiesa Cattolica;
  • la quota esente dei redditi di lavoro dipendente prestato nelle zone di frontiera ed in altri Paesi limitrofi in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto lavorativo da soggetti residenti nel territorio dello Stato;
  • il reddito d’impresa o di lavoro autonomo assoggettato ad imposta sostitutiva nel caso di applicazione del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (art. 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98);
  • il reddito d’impresa o di lavoro autonomo assoggettato ad imposta sostitutiva in applicazione del regime forfetario (art. 1, commi 54/89, della L. 23/12/2014, n. 190);
  • il reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI