Dichiarazione infedele e omesso versamento IVA: alzate le soglie del reato


Dichiarazione infedele e omesso versamento IVA: alzate le soglie del reato

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 giugno 2015



Cambiano le soglie che fanno scattare il penale per omesso versamento dell’Iva e dichiarazione infedele; più spazio per recuperare la possibilità di presentare la dichiarazione dei redditi per chi abbia omesso di farlo.

 

Nello schema di decreto legislativo, approvato ieri dal Governo, e che ora passerà per l’ok definitivo del Parlamento, si riformano le soglie di punibilità dei reati di omesso versamento di IVA e di dichiarazione infedele. Ma c’è anche spazio per l’omessa dichiarazione dei redditi. Vediamo, nel dettaglio, le nuove misure.

Omesso versamento di IVA

Soglie più alte per i reati di omesso versamento Iva: sale da 50mila a 200mila la soglia che fa scattare il penale per chi non paga l’Iva dello stesso periodo di imposta.

Dichiarazione infedele

Anche per la dichiarazione infedele viene previsto un innalzamento delle soglie di punibilità: gli attuali 50mila euro di imposta evasa diventano 150mila e il valore assoluto di imponibile evaso passa da due a tre milioni.

Inoltre viene introdotta una nuova ipotesi di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta che scatterà con l’omesso versamento di ritenute per importi superiori a 50mila euro.

Omessa dichiarazione dei redditi

Multe ridotte anche per chi recupera entro l’anno l’omessa dichiarazione. Oggi se il contribuente o l’impresa non presenta il modello entro 90 giorni dalla scadenza (ossia entro la fine dell’anno) si vede comunque applicare la sanzione del 100 o del 200 per cento. Con la modifica introdotta nello schema di Dlgs varato ieri in prima lettura dal Consiglio, il contribuente avrà un anno di tempo per presentare la sua dichiarazione e, se lo farà, si vedrà applicare la sanzioni in misura ridotta dal 60% al 120 % delle imposte dovute.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI