Business | Articoli

Piccoli crediti non riscossi: scatta la deducibilità

9 Aprile 2013
Piccoli crediti non riscossi: scatta la deducibilità

Le imprese possono finalmente dedurre le perdite su mini-crediti.

Scatta la deducibilità automatica per le perdite di modesta entità vantate nei confronti dello stesso debitore. La nuova disciplina [1] consente di procedere allo sgravio in Unico 2013 dei mini-crediti non riscossi e scaduti da più di sei mesi. Ci si riferisce, in particolare, a crediti non superiori a 5mila euro per le imprese fino a 100milioni di fatturato e di 2.500 per le altre imprese.

In presenza di più crediti verso lo stesso debitore sono due gli orientamenti: il primo considera in modo separato le singole posizioni creditorie scadute; il secondo, invece, le somma e le considera come un’unica posta passiva. Questa seconda, probabilmente, è più coerente con la legge, intenzionata a stabilire una soglia di antieconomicità delle azioni giudiziali di recupero crediti.


note

Servizio offerto da Metaping

Articolo di Giacomo Albano e Luca Miele – Il Sole 24 Ore dell’8.04.2013 – Norme e Trib. – pag. 1

[1] Prevista dal D.L. n. 83/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube