HOME Articoli

Lo sai che? Il nuovo minimo non pignorabile della pensione

Lo sai che? Pubblicato il 29 giugno 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 giugno 2015

Minimo vitale oltre il quale il pignoramento della pensione non può spingersi.

La pensione non si pignora più oltre la soglia: insieme ai nuovi limiti di pignoramento dello stipendio, la nuova riforma della giustizia [1] ha finalmente chiarito il limite di “intangibilità” della pensione, oltre il quale, cioè, il pignoramento non può spingersi; è quello che, in passato, è stato definito come il minimo vitale. Ma se in passato la definizione del minimo vitale era, di fatto, rimessa all’interpretazione dei singoli giudici (sussistendo una lacuna normativa mai colmata dal legislatore), ora la legge pone fine alle incertezze e individua, in termini numerici, la soglia oltre la quale la pensione, al netto del pignoramento, non può mai scendere.

Il nuovo limite di pignoramento della pensione

Con la nuova disciplina, la pensione non può più essere pignorata per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell’assegno sociale, aumentato della metà. Solo la parte eccedente tale ammontare sarà pignorabile nei limiti di legge, ossia nella misura massima di un quinto (1/5). Attualmente, secondo l’INPS, la misura massima dell’assegno sociale è pari a € 448,52, per l’anno 2015 e quindi la quota di pensione pignorabile sarà quella eccedente la somma di € 672,78

Ossia: 448,52 + 50% di 448,52 (pari a 224,26) = 672,78.

Per fare un esempio, se un pensionato percepisce € 900,00 mensili, il pignoramento del quinto della pensione dovrà essere calcolato solo sulla differenza tra € 900 (la pensione) e 672,78 (minimo non pignorabile) e cioè quindi su € 227,22. Il creditore, in ipotesi, potrà ricevere mensilmente solo un quinto di € 227,22 cioè € 45,44.

Ricordiamo che la misura dell’assegno sociale può essere oggetto di aggiornamenti. Pertanto, è necessario verificare dal sito dell’Inps l’esatto importo che, per l’anno in corso, come detto, ammonta ad euro 448,52.

note

[1] D.l. 27 giugno 2015, n. 83.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI