Business | Articoli

Chi paga IMU e TASI con il leasing immobiliare?

10 giugno 2016


Chi paga IMU e TASI con il leasing immobiliare?

> Business Pubblicato il 10 giugno 2016



Nel caso di acquisto con il leasing immobiliare, chi è a dover pagare le imposte legate all’immobile? 

Il pagamento dell’immobile attraverso la soluzione del leasing immobiliare pone il possessore nella situazione di non esser certo di quali siano le imposte ad esso legate da dover pagare.

La disciplina generale cambia a seconda che si tratti di IMU o di TASI. Mentre per il caso di leasing immobiliare si prevede una disciplina differente.

Vediamo i dettagli.

IMU e TASI: la normativa generale

Nel caso dll’IMU il soggetto passivo è il proprietario o chi altro vanti sull’immobile altro diritto reale di godimento (usufrutto, abitazione, ecc.). Non è, invece, soggetto passivo IMU l’occupante l’immobile, ad esempio comodatario o inquilino.

Con riferimento alla TASI, invece, il soggetto passivo, non è solo il proprietario ma anche l’eventuale occupante. Ciascuno versa la propria quota TASI nella misura fissata dalla delibera comunale, o in mancanza di previsione, in quella fissata dal legislatore.

Nel caso in cui l’immobile occupato rappresenti abitazione principale (di categoria catastale non di lusso) per l’inquilino, questi, dall’anno 2016, non versa la sua quota TASI.

IMU e TASI e leasing immobiliare

Quando si parla di leasing immobiliare, il legislatore prevede una disciplina differente.

IMU e la TASI sono dovute dal locatario e non dalla società di leasing, e sono dovute a partire dalla data di stipula del contratto stesso e per tutta la sua durata.

Ecco dunque la differenza rispetto alla disciplina generale: il soggetto passivo dei due tributi diventa il solo utilizzatore dell’immobile e non il proprietario concedente.

IMU e TASI per leasing immobiliare sulla prima casa

Nel caso in cui l’abitazione in leasing è la propria abitazione principale non si verserà né IMU né TASI per il 2016. Si deve tuttavia ricordare che la categoria catastale deve essere non di lusso (dunque deve essere A2, A3, A4, A5, A6 e A7, ma non A1, A8 o A9). Lo stesso discorso vale per le pertinenze legate all’abitazione principale, esclusivamente per le categorie catastali C2, C6 e C7.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Pingback: IMU e TASI leasing immobiliare | Arte Casa Re Agenzia Immobiliare

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI