Business | Articoli

Visite Fiscali, quando non si ha obbligo di reperibilità?

9 giugno 2016


Visite Fiscali, quando non si ha obbligo di reperibilità?

> Business Pubblicato il 9 giugno 2016



Pubblicate le linee guida relative alla reperibilità per le visite fiscali. Escluse alcune categorie, ecco quali.

Sono state di recente pubblicate dall’INPS [1] le linee guida che dovranno indirizzare i medici nel valutare quali siano le malattie a cui farà seguito l’esenzione dal rispetto della fascia di reperibilità. Ecco i dettagli.

Visite fiscali: reperibilità dei dipendenti privati.

Come già accadeva per i lavoratori del settore pubblico, le fasce di esenzione per le visite fiscali già previste per i dipendenti del settore pubblico [2] sono state estese con il Jobs Act anche al settore privato. Sono dunque oggi esclusi dall’obbligo di reperibilità i lavoratori del settore privato nei casi di malattia grave.
In particolare vengono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilita’ (dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00) i lavoratori subordinati del settore privato per i quali l’assenza è da attribuire alle seguenti cause:

  • a patologie gravi che richiedono terapie salvavita comprovate da idonea documentazione della Struttura sanitaria;
  • a stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidita’ riconosciuta che abbia determinato una riduzione della capacita’ lavorativa, nella misura pari o superiore al 67%.

La norma tuttavia lascia spazio ad interpretazione (cosa si intende ad esempio per terapie salvavita?) Ecco allora che l’INPS con la sua circollare ha definito le linee fuida che i medici dovrammo seguire.

Cos’ è una terapia salvavita?

L’INPS precisa che per terapie salvavita si intendono quelle che implicitamente escludono ogni forma di somministrazione cronica del farmaco che deve di necessariamente essere assunto episodicamente per evitare un pericolo di vita attuale e causalmente dovuto a patologia grave in atto estrinsecante il pericolo di vita o, ancora, l’intensa compromissione acuta del complessivo stato di salute (ad esempio, gli scompensi acuti che, se non altrimenti e prontamente curati, provocano il coma e la morte in un progressivo avvitamento in pejus di eventi).

Rientrano tra tali patologie:

  • l’Hiv
  • l’insufficienza renale, respiratoria o miocardica di natura acuta,
  • allo stesso modo saranno esentati coloro i quali si devono sottoporre a trapianti di organi vitali.

Quale disabilità esenta dalla reperibilità delle visite fiscali?

Con riferimento all’invalidità, l’INPS precisa che essa può essere stata acclarata da qualsiasi organo giudicante (Asl, Inail o Inps) ma deve necessariamente essere pari o superiore al 67%.
Nel caso in cui si configuri in particolare l’invalidità civile, occorrerà riferirsi alle patologie elencate nella tabella ministeriale [3] nelle fasce percentuali 91-100; 81-90; 71-80; 61-70 nei soli casi pari o maggiori del 67%.
In caso di invalidità previdenziale INPS ovvero in caso di danno biologico INAIL pari o superiore alla soglia del 67%, le patologie dovranno essere indicate nel provvedimento di riconoscimento.

Esclusione reperibilità visita fiscale: cosa devono fare i medici?

Quando i medici dovessero rilevare una delle citate condizioni patologiche dovranno apporre la valorizzazione dei campi del certificato telematico riferiti a “terapie salvavita” / “invalidità” (decreto ministeriale 18 aprile 2012). L’INPS attraverso tale dihiarazikne potrà riconoscere la malattia e dunque escludere il lavoratore dalla reperibilità,

Chi non può godere dell’esclusione dalla reperibilità?

Non possono godere del beneficio dell’esenzione delle visite fiscali i lavoratori iscritti alla gestione separata dell’Inps di cui all’art.2, comma 26, della legge n. 335/95.

note

[1] INPS, Circ. 95/2016 con la quale l’istituto recepisce le novità introdotte dall’articolo 25 del Dlgs 151/2015 (Jobs Act) e dal decreto interministeriale Lavoro-Salute dello scorso 11 gennaio 2016

[2] Dpr 206/2009, art.2

[3] Terza parte della tabella recata dal Dm 5 febbraio 1992


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI