Diritto e Fisco | Articoli

Guida in stato di ebbrezza: etilometro, contestazione e ricorso

2 Luglio 2015
Guida in stato di ebbrezza: etilometro, contestazione e ricorso

Alcoltest: per contestare i difetti e il non corretto funzionamento della strumentazione della polizia è necessaria una specifica prova.

Nel caso in cui il conducente venga fermato dalla pattuglia per di guida in stato di ebbrezza e, quindi, venga sottoposto al test mediante etilometro,in teoria può anche contestare gli accertamenti e la loro capacità di rilevare la presenza di alcol nel sangue. Ci potrebbero essere, infatti, difetti della strumentazione, oppure fattori che mettono in dubbio la correlazione tra la guida e lo stato di alterazione psico-fisica. Tuttavia, egli non si può limitare a una generica contestazione o a insinuare il semplice sospetto, non documentato, di un non corretto funzionamento dell’alcoltest. Egli, al contrario, è sempre tenuto a fornire una specifica prova di quello che afferma, ad esempio, dimostrando di aver assunto bevande alcoliche dopo la cessazione della guida, oppure che ci fosse un difetto degli strumenti di misurazione.

 

In definitiva, se l’accertamento del tasso alcolico è avvenuto nel rispetto delle forme e modi previsti dalla legge, spetta al conducente l’onere di provare le circostanze in grado di confutare la validità dell’accertamento.


note

[1] Cass. sent. n. 27155/15 del 30.06.2015.

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 12 marzo – 30 giugno 2015, n. 27155
Presidente Romis – Relatore Dovere

Ritenuto in fatto

1. B.G. ricorre avverso la sentenza indicata in epigrafe con la quale la Corte di appello di Napoli ha confermato la pronuncia di condanna emessa nei suoi confronti dal Tribunale di Noia, che lo ha giudicato colpevole del reato di guida in stato di ebbrezza alcolica [articolo 186, comma 2 lett. c) Cod. str. commesso il 28 dicembre 2009].
Deduce l’esponente violazione di legge e vizio motivazionale per aver la Corte di appello ritenuto la responsabilità dell’imputato nonostante il prelievo ematico sulla persona dei medesimo sia stato effettuato a circa 40 minuti di distanza dall’momento in cui il ricorrente era stato fermato e quindi nonostante non sia stato possibile accertare l’entità effettiva dell’intossicazione alcolica in cui versava il B. nel momento in cui si era posto alla guida del veicolo. La motivazione data al riguardo dalla Corte di appello si presenta illogica e in violazione di legge perché colloca il momento del prelievo ematico nella fase discendente dei valori, senza indicare da quali elementi abbia desunto tale conclusione e soprattutto senza aver conoscenza del valore di determinazione della velocità di incremento e di decremento del metabolismo dell’alcol, dal quale desumere che all’atto del prelievo il tasso alcolico si trovasse già nella curva discendente. Vizio motivazionale si ravvisa anche laddove la Corte d’appello ha ritenuto la guida in stato di ebbrezza anche sulla base di quanto riferito dal teste verbalizzante circa gli evidenti segnali di recente assunzione di sostanze alcoliche mostrati dall’imputato all’atto dell’accertamento. Infatti la Corte distrettuale ha indicato in maniera del tutto generica tale dato, da solo insufficiente a dimostrare con certezza il reato.

Considerato in diritto

2. In primo luogo va rilevato che risulta decorso il termine di prescrizione del reato, che, commesso il 28.12.2009, conosce un termine prescrizionale massimo pari a cinque anni, dei quale non risultano sospensioni.
Tuttavia non è possibile addivenire all’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata per estinzione dei reato conseguente a prescrizione, perché il ricorso è inammissibile.
3. Infatti, il ricorso è manifestamente infondato.
3.1. In via di principio non può essere aprioristicamente esclusa la rilevanza di fattori in grado di sottrarre forza dimostrativa all’accertamento del tasso alcolico presente nell’organismo umano condotto attraverso l’apparecchio denominato etilometro o mediante analisi del sangue. Da un canto possono darsi difetti della strumentazione (per la loro incidenza cfr. ), dall’altro, occorrendo la correlazione tra la guida di veicolo e stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche, possono darsi fattori in grado di porre in dubbio tale correlazione. Di ciò é avvertita la giurisprudenza di questa Corte, la quale ha formulato il principio di diritto secondo cui il decorso di un intervallo temporale di alcune ore tra la condotta di guida incriminata e l’esecuzione del test alcolemico rende necessario, verificare, ai fini della sussunzione dei fatto in una delle due ipotesi di cui all’art. 186, comma secondo, lett. b) e c) C.d.s., la presenza di altri elementi indiziari (Sez. 4, n. 47298 del 11/11/2014 – dep. 17/11/2014, Ciminari, Rv. 261573).
Va comunque escluso che valga una sorta di aritmetica delle prove: come se, dato un accertamento strumentale a distanza di un tempo non breve dall’atto di guida (durata invero difficile da determinare una volta per tutte), fosse necessario aggiungere elementi indiziari per ottenere il risultato di ‘prova sufficiente’ dell’accusa. Occorre tener conto anche della distribuzione degli oneri probatori. Non v’è alcun dubbio che l’accusa sia tenuta a dare dimostrazione della avvenuta integrazione dei reato, offrendo la prova di ciascuno e tutti gli elementi essenziali dell’illecito (fermo restando che nella realtà della dialettica processuale, oggetto di prova è solo ciò che risulta controverso). Ma tale prova, per espressa indicazione normativa (e per radicata interpretazione giurisprudenziale), è già data dall’esito di un accertamento strumentale che replichi le cadenze e le modalità previste dal Codice della strada e dal relativo regolamento. La presenza di fattori in grado di compromettere la valenza dimostrativa di quell’accertamento non può che concretizzarsi ad opera dell’imputato, al quale compete di dare dimostrazione, ad esempio, di aver assunto bevande alcoliche successivamente alla cessazione della guida; di essere portatore di patologie che alterano il metabolismo dell’alcol; di un difetto degli strumenti di misurazione utilizzati dagli accertatori e così seguitando.
Anche l’incidenza della cd. curva alcolimetrica – prescindendo dalla valutazione dei suoi fondamenti scientifici – non può essere predicata in astratto, perché va concretamente dimostrato che, per aver assunto la sostanza alcolica in assoluta prossimità al momento dell’accertamento o per altra ragione, il tasso esibito dalla misurazione strumentale eseguita a distanza di tempo non rappresenta la condizione organica del momento in cui si era ancora alla guida.
Ne risulta il seguente principio di diritto: “in tema di guida in stato di ebbrezza, in presenza di un accertamento del tasso alcolico nel sangue mediante prelievo eseguito in conformità alla previsione normativa, grava sull’imputato l’onere di dare dimostrazione di circostanze in grado di privare quell’accertamento di valenza dimostrativa della sussistenza del reato; a tale riguardo non è sufficiente il solo lasso temporale intercorrente tra l’ultimo atto di guida e il momento dell’accertamento”.
3.2. Ne consegue la genericità delle doglianze, non rappresentative di concrete evenienze in grado di privare di valenza dimostrativa l’accertamento strumentale.
Nel caso di specie la Corte di appello ha accertato che il test ematico – con prelievo eseguito dopo 36 minuti dal fermo del B. – aveva individuato un valore pari a 2,05 g/I ed ha fondato il proprio convincimento, espresso tenendo conto dei rilievo operato dall’appellante in relazione al lasso temporale intercorso tra il prelievo ed il fermo, evidenziando che tale periodo, in considerazione del fatto che il tasso alcolemico viene a decadere con il passare delle ore, si risolve in un dato favorevole all’imputato e che il dato dei test era corroborato dall’osservazione compiuta dalla polizia giudiziaria, la quale aveva avuto modo di notare, nel corso dell’accertamento, che l’imputato presentava evidenti segnali di recente assunzione di sostanze alcoliche. Motivazione puntuale e non manifestamente illogica, che pone in risalto l’esistenza di un indizio della conduzione del veicolo in stato di ebbrezza alcolica e la robusta conferma che di quello é venuta dall’esame del reperto biologico.
A fronte di ciò generica é la critica rivolta alla valorizzazione della testimonianza della p.g. e mancante nel processo di merito é la dimostrazione da parte dell’imputato che egli aveva assunto sostanze alcoliche in un tempo tanto prossimo al fermo da rendere concretamente possibile che solo a quaranta minuti da tal momento i valori fossero ascesi alla soglia rilevante ai sensi dell’art. 186, co. 2 lett. c) Cod. str.
4. Alla declaratoria di inammissibilità del ricorso consegue, a norma dell’art. 616 cod. proc. pen., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma, che si ritiene equo liquidare in € 1.000,00, in favore della cassa delle ammende, non ravvisandosi assenza di colpa in ordine alla determinazione della causa di inammissibilità.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1000,00 a favore della cassa delle ammende.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube