Ricorsi senza avvocato fino a 3mila euro: aumenta la soglia

5 Luglio 2015
Ricorsi senza avvocato fino a 3mila euro: aumenta la soglia

Delega fiscale: aumentano i casi in cui il contribuente potrà difendersi contro l’Agenzia delle Entrate o contro Equitalia anche da solo, senza bisogno di un professionista abilitato.

Passerà dagli attuali 2.582,28 euro a 3.000 euro il limite entro cui i cittadini potranno difendersi da soli, nelle cause contro il fisco, senza bisogno di avere accanto un avvocato: è questo l’effetto di uno dei cinque decreti legislativi per l’attuazione della delega fiscale appena approvato dal Consiglio dei Ministri e ora in corso di approvazione da parte delle Commissioni parlamentari. Insieme a tale misura, che avrà un minimo peso sul fatturato degli studi legali e commerciali, anche le nuove misure in materia di rateazione dei debiti con Equitalia (leggi “Equitalia: più facile decadere dalla rateazione”) e, soprattutto, l’ampliamento dell’obbligatorietà del reclamo-mediazione anche alle liti contro Equitalia (leggi “Mediazione con Equitalia”).

Cambia, dunque, l’assistenza tecnica davanti alle commissioni tributarie: da un lato, infatti, viene confermato l’obbligo per il contribuente di farsi patrocinare da un avvocato o un commercialista nelle controversie con il fisco (cosiddetta difesa tecnica), ma dall’altro si alza la soglia delle liti entro la quale il cittadino può stare in giudizio personalmente nelle controversie con il fisco. Quindi, tanto per fare un esempio, per una cartella esattoriale relativa al bollo auto, al canone RAI o per altre questioni di modico valore, ossia fino a 3.000 euro, i contribuenti non dovranno più pagare un professionista iscritto all’ordine, ma potranno far ricorso da sé anche davanti al giudice e non necessariamente seguendo il più semplice iter dell’autotutela.

Come si stabilisce il valore della controversia?

Per l’individuazione del valore resta confermato l’attuale criterio in base al quale il valore è determinato dall’importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con l’atto impugnato; in caso di controversie aventi ad oggetto esclusivamente irrogazioni di sanzioni, il valore è costituito dalla somma di queste.

Non è necessaria la difesa tecnica, e pertanto non devono per forza valersi di un avvocato o commercialista, gli enti impositori, gli agenti della riscossione come Equitalia.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube