Business | Articoli

Sciopero dei treni: parte l’estate “calda” dei trasporti, ecco le date

10 Giugno 2016
Sciopero dei treni: parte l’estate “calda” dei trasporti, ecco le date

Si fermano i dipendenti dei principali servizi di trasporto, proprio a ridosso dell’estate: le ragioni riguardano gli orari di lavoro.

Area di mobilitazione nel comparto Trasporti, si prevede difatti uno sciopero dei treni per la fine di giugno che potrebbe creare seri problemi a chi intende approfittare delle prime giornate di estate. Ecco date e dettagli.

Sciopero treni: giugno 2016

Lo sciopero dei treni che riguarda tutto il settore ferroviario è stato proclamato per giovedì 23 giugno e venerdì 24 giugno.
I dipendenti nelle due giornate torneranno ad incrociare le braccia dalle ore 21,00 del 23 giugno alle ore 21,00 del giorno successivo.

Le ragioni dello sciopero

I dipendenti del settore e in particolare di Trenitalia, Italo e Trenord tornano a bloccare i servizi per una protesta di 24 ore a distanza di un mese esatto dall’ultima rimostranza.
L’intenzione è quella di porre al centro del dibattito “le questioni legate alla legge Fornero ed al massacro che questa legge sta procurando sulle inidoneità del personale legato all’esercizio ferroviario”. I dipendenti intendono così dimostrare il loro diritto ad orari di lavoro meno massacranti , un orario quello applicato “che sfinisce la vita di macchinisti, capistazione, manovratori, verificatori, addetti alle sale operative”.

È prevedibile che come accaduto nell’ultimo sciopero, siano previste delle fasce di garanzia che permetteranno, negli orari di maggior richiesta, ai pendolari di viaggiare per arrecare il minor disagio possibile per i viaggiatori. Sulle fasce di garanzia, comunque, non ci sono ancora comunicazioni ufficiali da parte delle aziende.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube