Diritto e Fisco | Articoli

Il divorzio immediato (senza separazione) è possibile

6 Luglio 2015
Il divorzio immediato (senza separazione) è possibile

In alcuni casi non è necessario separarsi per chiedere il divorzio: in presenza di particolari condizioni, come nel caso di reati o di modifica del sesso o di mancata consumazione del matrimonio, la coppia può dirsi addio subito.

Quest’inverno sono cambiati i termini per divorziare che, da tre anni, sono scesi a 6 mesi (nel caso di precedente divisione consensuale o in comune o con negoziazione assistita) o a 12 mesi (nel caso di precedente divisione giudiziale). La riforma è passata con il nome di “divorzio breve”, termine che, invero, ha contribuito a generare qualche equivoco, facendo credere che si trattasse di una procedura diversa e parallela alla precedente: in realtà, non si è fatto altro che tagliare i precedenti termini della “pausa di riflessione” tra separazione e divorzio.

Non è stato, però, approvato il cosiddetto divorzio immediato, quello che – secondo la proposta di legge – avrebbe consentito alle coppie di divorziare senza prima separarsi. Tuttavia, sono in pochi a sapere che, in alcuni casi, già la legge sul divorzio del 1970 consente il divorzio immediato [1], anche su richiesta di uno solo dei due coniugi, qualora, dopo la celebrazione del matrimonio, l’altro sia stato condannato in via definitiva, anche per fatti commessi in precedenza:
– all’ergastolo o a pena superiore ai 15 anni, per uno o più delitti non colposi, esclusi i reati politici e quelli commessi per motivi di particolare valore morale e sociale;

– a qualsiasi pena, se i reati commessi sono incesto, delitti sessuali o per induzione, costrizione, sfruttamento, favoreggiamento della prostituzione;

– a qualsiasi pena per omicidio volontario di un figlio o per tentato omicidio a danno di coniuge o figli;

– a qualsiasi pena, in caso di lesione personale aggravata, violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia, circonvenzione di incapaci, attuati contro coniuge o prole.

Nel secondo e nel terzo caso, il divorzio immediato può essere richiesto anche se l’altro coniuge sia stato assolto per vizio totale di mente (e il giudice del divorzio ne accerti l’inidoneità a mantenere o ricostituire la convivenza familiare); il processo si sia concluso con sentenza di non doversi procedere per estinzione del reato (che il giudice ritenga sussistere) o la causa d’incesto si sia conclusa con proscioglimento/assoluzione per mancanza di pubblico scandalo.

Insomma, come dire, in tutte queste ipotesi che, a prescindere dalla punizione del colpevole, il fatto è stato comunque accertato ed è quest’ultimo che rileva nel giudizio sulla “pericolosità” del coniuge.

Si può, ancora, richiedere il divorzio immediato qualora:

– l’altro coniuge straniero abbia ottenuto divorzio all’estero o all’estero abbia contratto nuovo matrimonio;

– qualora il matrimonio non sia stato consumato o sia passata in giudicato la sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso.
Il procedimento

A chiedere il divorzio immediato possono essere tanto i due coniugi congiuntamente, che uno solo di essi. In entrambi i casi, la procedura è identica a quella della separazione. In particolare:

– divorzio richiesto da entrambe le parti: i coniugi fissano le condizioni della separazione, del mantenimento e dei rapporti con i figli con ricorso al Tribunale. Il giudice, in un’unica udienza, tentata la conciliazione, autorizza il divorzio, valutando anche l’interesse degli eventuali figli;

– divorzio richiesto da uno solo dei coniugi: in tal caso, si apre una vera e propria causa, prima della quale il Presidente del tribunale fissa i provvedimenti temporanei e urgenti. Quindi si passa alla raccolta delle prove e, infine, alla decisione.


note

[1] Art. 3 l. 898/1970.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube