Diritto e Fisco | Articoli

Notifica rinnovata se c’è omonimia e stesso indirizzo dell’avvocato

7 Luglio 2015
Notifica rinnovata se c’è omonimia e stesso indirizzo dell’avvocato

Appello e ricorso per Cassazione: se la notifica è viziata perché effettuata nei confronti di un altro avvocato con lo stesso cognome e con lo studio alla medesima via, l’errore è scusabile e non c’è nessuna decadenza ma il diritto al rinnovo della notifica.

 

La notifica errata dell’atto di impugnazione, fatta alla controparte presso il domicilio eletto del suo avvocato, che però – per un errore – non è quello effettivo, ma solo un omonimo (stesso cognome), con studio peraltro nello stesso indirizzo (medesima via), non comporta decadenza, ma consente la rinnovazione della notifica: la decadenza, infatti, viene esclusa per via del fatto che, in questi casi, la notificazione può considerarsi come eseguita in un luogo e ad un destinatario che presentino comunque relazione con la parte sostanziale.

Lo ha chiarito la Cassazione con una sentenza pubblicata ieri [1].


note

[1] Cass. sent. n. 13920/15 del 6.07.2015.

Autore immagine: 123rf com

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza interlocutoria 20 maggio – 6 luglio 2015, n. 13920
Presidente Finocchiaro – Relatore Frasca

Ritenuto quanto segue

§ I. Il Gestore dei Servizi Energetici S.p.a. (di seguito GSE), già G.R.T.N. (Gestore della Rete di Trasmissione Nazionale s.p.a.) ha proposto ricorso per cassazione contro R.S. e l’Enel Distribuzione s.p.a. avverso la sentenza del 20 settembre 2013, con la quale il Tribunale di Catanzaro ha dichiarato inammissibile per tardività l’appello da essa ricorrente proposto contro la sentenza n. 665 del 2007 del Giudice di Pace di Chiaravalle Centrale, con la quale quel giudice, investito dalla S. di una domanda di risarcimento dei danni sofferti a causa del noto black out intervenuto nella distribuzione dell’energia elettrica fra il 27 ed il 28 settembre del 2003, aveva rigettato la domanda di risarcimento danni dell’attore nei riguardi dell’Enel Distribuzione e l’aveva accolta nei confronti della qui ricorrente.
§2. Il Tribunale di Catanzaro ha dichiarato la tardività dell’appello, in quanto ha ritenuto che esso fosse stato proposto tardivamente rispetto alla notificazione della sentenza di primo grado impugnata, la quale era stata effettuata presso la cancelleria del Giudice di Pace, in applicazione dell’art. 82 del r.d. n. 37 del 1934, per avere nel giudizio di primo grado i difensori della qui ricorrente eletto domicilio in Catanzaro e non nel comune sede del giudice di pace.
Il Tribunale, nel formulare tale valutazione ha considerato che altra notificazione della sentenza di primo grado – eseguita presso quel domicilio e perfezionatasi per il notificante prima di quella avvenuta presso la cancelleria e per la destinataria invece dopo il momento di perfezionamento della stessa – fosse stata nulla e, dunque inidonea a far decorrete il termine breve dell’appello sì da potersi considerare tempestivo l’appello con riferimento ad essa.
§3. Nessuno degli intimati ha svolto attività difensiva.
Parte ricorrente ha depositato memoria.

Considerato quanto segue

§ 1. Il Collegio rileva che la notificazione del ricorso risulta viziata.
Queste le ragioni.
Invero, il ricorso è stato notificato all’intimata presso un procuratore domiciliatario, l’Avvocato D.C., che non è quello indicato nella sentenza impugnata, che viene invece indicato come F.C., sebbene il luogo della notificazione sia stato in (omissis) alla via (omissis), che sempre nella sentenza è indicato come luogo costituente lo studio dell’Avvocato F.C..

Da accesso eseguito sul sito del Consiglio Nazionale Forense, peraltro, entrambi gli Avvocati C. risultano avere studio nel suddetto indirizzo.
Ritiene il Collegio che la notificazione, in una simile situazione, cioè considerando l’identità del luogo dello studio dei due avvocati e soprattutto il fatto che hanno lo stesso cognome, possa essere considerata come eseguita in un luogo e ad un destinatario che presentino comunque relazione con l’intimata.
§2. La notificazione può, dunque, considerarsi nulla, ma non inesistente e, pertanto, se ne può e se ne deve ordinare la rinnovazione a R.S., la quale dovrà eseguirsi personalmente nei suoi riguardi, essendo venuta meno la domiciliazione del medesimo presso l’Avvocato F.C. giusta l’ultimo comma dell’art. 330 c.p.c.
§3. Parte ricorrente va invitata a produrre, quando la trattazione del ricorso sarà rifissata l’avviso di ricevimento della notificazione all’Enel Distribuzione s.p.a.

P.Q.M.

Visto l’art. 371-bis c.p.c., ordina il rinnovo della notificazione del ricorso personalmente a R.S.. Concede all’uopo termine di sessanta giorni dalla comunicazione del deposito della presente e dispone che siano osservate le prescrizioni di detta norma.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube