Lavoro e Concorsi | Articoli

Servizio civile, nuovo bando: occasione per ricevere formazione e trovare lavoro

7 Luglio 2015 | Autore:
Servizio civile, nuovo bando: occasione per ricevere formazione e trovare lavoro

Il servizio civile, oltre ad essere un’occasione per aiutare il prossimo, diventa in tempo di crisi un’opportunità formativa e di inserimento nel mondo del lavoro.

Sul sito www.serviziocivile.gov.it è stato pubblicato un bando, con scadenza 31/07/2015 per la selezione di 985 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale in Italia, di cui:

– 823 da avviare nei progetti di servizio civile volti all’accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili in Italia;

– 12 da avviare nel progetto “Ambiente e dintorni” rivalutato dalla Regione Sicilia;

– 4 autofinanziati dall’Autorità Nazionale Anticorruzione;

– 146 autofinanziati dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione.

Si tratta, ad esempio, di progetti volti all’educazione e promozione socio-culturale, mediante ricerca di animatori per centri estivi; progetti di volontariato ed accoglienza sociale, aventi come finalità l’offerta di aiuto ad invalidi, anziani, immigrati.

Il servizio civile, quale alternativa al lavoro, per chi non sia ancora impiegato, ha il precipuo scopo – oltre a quello caratteristico di solidarietà – di consentire al volontario di acquisire competenze pratiche in ambito assistenziale, ambientale, giuridico e della sicurezza, una formazione che potrà essere utilmente spesa per la futura ricerca di occupazione.

Inoltre potrebbe accadere che l’attività di volontariato prestata, al termine del periodo di servizio civile si trasformi in una vera e propria occupazione, consentendo l’emersione di talenti altrimenti sconosciuti o comunque di entrare in contatto con enti e associazioni con le quali, magari, in un secondo momento intraprendere un percorso lavorativo.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube