Diritto e Fisco | Articoli

Mantenimento: l’accordo dei coniugi modificabile dal giudice

11 Luglio 2015 | Autore:
Mantenimento: l’accordo dei coniugi modificabile dal giudice

Il giudice può modificare l’importo dell’assegno di mantenimento ai figli concordato tra i genitori.

L’accordo dei genitori, in sede di separazione, relativo all’importo dell’assegno di mantenimento da versare ai figli, non vincola il giudice, il quale può modificarlo nell’interesse della prole.

È quanto stabilisce la Corte di Cassazione, con recentissima sentenza [1]: i coniugi, in sede di separazione, possono liberamente concordare le modalità di corresponsione del mantenimento nei confronti dei figli e il relativo ammontare – si legge nel provvedimento -; tuttavia il giudice, se ritiene che l’importo stabilito dalle parti non sia congruo, può modificarlo.

In base al nostro codice civile [2], infatti, ciascun genitore è tenuto al mantenimento dei figli in proporzione alle proprie capacità economiche e tenendo conto delle esigenze della prole, del tenore di vita goduto in costanza di convivenza dei genitori, dei tempi di permanenza presso ciascun genitore dopo la separazione.

Certamente i genitori, soprattutto in caso di separazione consensuale, possono accordarsi anche sugli aspetti economici della stessa; tuttavia la loro libertà in tal senso è limitata, dovendo l’accordo essere vagliato e approvato da giudice.

Tale potere del magistrato di sindacare l’accordo dei coniugi ha una duplice finalità:

– garantire il rispetto delle norme contenute nel Codice civile, in base alle quali ciascun genitore deve contribuire al mantenimento dei figli in proporzione al proprio reddito;

– garantire il superiore interesse dei figli a ricevere un mantenimento di importo adeguato alle proprie esigenze di vita e di crescita.

L’accordo dei genitori, quindi, può avere rilievo ed è insindacabile solo con riguardo alle modalità di pagamento dell’assegno di mantenimento, non anche con riguardo alla sua quantificazione.


note

[1] Cass., sent. n. 11882 del 09.06.2015.

[2] Art. 155 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube