Diritto e Fisco | Articoli

Diritto all’immagine: cos’è e come tutelarlo

12 Luglio 2015 | Autore:
Diritto all’immagine: cos’è e come tutelarlo

Ciascuna persona ha il diritto di apparire e di mostrarsi agli altri, se e quando lo voglia, secondo le proprie esigenze e i propri bisogni, o anche di non farlo nel caso in cui non ne abbia interesse.

 

La tutela del diritto all’immagine è sempre al centro dell’attenzione di cittadini, avvocati e tribunali posto il notevole sviluppo delle tecniche e degli strumenti di riproduzione e di diffusione dell’immagine nonchè la molteplicità degli scopi personali, familiari e/o politici per i quali l’immagine viene di volta in volta riprodotta e diffusa.

Il diritto all’immagine è tutelato anche nel caso in cui la diffusione non arrechi nessuna offesa o danno alla persona in quanto consiste nel diritto della persona a che la propria immagine non venga pubblicata senza il suo consenso e fuori dai casi previsti dalla legge.

Da ciò deriva il divieto di pubblicare l’immagine altrui a meno che non ricorrano alcune circostanze particolari previste dalle legge [1] quali il consenso dell’interessato o la notorietà della persona o qualora si sia in presenza di fatti di interesse pubblico.

Se l’immagine di una persona viene pubblicata fuori da tali casi oppure arrecando danno al decoro e alla reputazione della persona, è possibile rivolgersi al giudice per far cessare l’abuso e ottenere il risarcimento del danno.

Quindi, il consenso della persona, o di chi ne esercita la potestà nel caso di minori, rende lecita la divulgazione della sua immagine sia gratuitamente (come nel caso della presenza di un personaggio noto a un’iniziativa di beneficenza) che dietro corrispettivo (ad esempio prestando la propria immagine per la realizzazione di un film o per pubblicizzare un prodotto).

Si è detto però che, pur in assenza del consenso dell’interessato, la diffusione dell’immagine è permessa se si tratta di:

– una persona nota, se vi è l’interesse pubblico a una maggiore conoscenza della stessa;

– una persona che ricopre un ufficio pubblico se l’immagine è collegata all’ufficio;

– necessità di giustizia che giustificano l’utilizzo dell’immagine vista la finalità pubblica perseguita come ad esempio la diffusione dell’identikit di un ricercato.

In ogni caso è vietata la pubblicazione dell’immagine altrui senza il consenso dell’interessato quando ciò rechi un danno al proprio onore, reputazione o decoro.

Infine, non è comunque permessa la pubblicazione di immagini se si tratta di:

– vittime di violenza sessuale, salvo che vi consentano [2];

– minori coinvolti in un procedimento penale in veste di testimoni o di parti lese [3];

– persona privata della libertà personale, salvo che vi consenta.

Qualora sia pubblicata l’immagine altrui al di fuori di questi casi previsti dalla legge, l’interessato o i suoi prossimi congiunti possono ottenere la cessazione di tale comportamento abusivo rivolgendosi al Giudice che può adottare qualsiasi provvedimento idoneo a impedire la prosecuzione dell’illecito; possono ottenere inoltre il risarcimento del danno nonchè la pubblicazione della sentenza di condanna in uno o più giornali a spese dell’autore della violazione.


note

[1] Art. 97 l. 633/41

[2] Art. 734-bis cod. proc. pen.

[3] Art. 114 cod. proc. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube