Diritto e Fisco | Editoriale

Professionista: evasione per attività gratuita o a compenso basso

13 Luglio 2015
Professionista: evasione per attività gratuita o a compenso basso

Accertamento fiscale a carico dell’avvocato, del commercialista, dell’amministratore di condominio e di tutti quei professionisti autonomi che sostengono di aver svolto prestazioni a titolo gratuito o a un importo irrisorio.

Fatture: sono così pochi gli autonomi che lavorano gratis – o lo fanno a fronte di compensi tanto bassi da essere antieconomici – che la legge opera, in via automatica, una presunzione di onerosità di tutte le attività professionali. In buona sostanza, quando un autonomo svolge un incarico, il fisco già presume che, per esso, sia stato percepito un compenso.

Dall’altro lato, però, nulla vieta che il contribuente possa davvero svolgere un’attività a titolo gratuito, come per esempio nei confronti di un parente, un amico o solo per scopo promozionale. Allo stesso modo, è possibile fatturare un importo nettamente inferiore alla media di quelli di mercato, soprattutto oggi che il Decreto Bersani ha eliminato, almeno per gli avvocati, gli importi minimi per i compensi percepiti. Alcuni però, utilizzano questo sistema per evadere le tasse.

Di “voci di corridoio” per aggirare il fisco ne cicolano tante, fin troppe, molte delle quali, spesso, infondate e, anzi, pericolose perché espongono il contribuente al rischio di un accertamento fiscale dal quale, poi, è difficile difendersi: come appunto quello di non fatturare determinate prestazioni o fatturarle per importi minimi, inferiori rispetto a quelli effettivamente ricevuti, per poi sostenere – in caso di richiesta a chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate – che si è trattato di un’attività svolta a titolo gratuito o con un forto sconto “amicale”.

Quanto è lecito e difendibile un comportamento del genere da parte del contribuente? Quanta libertà ha il fisco, in altri termini, di sindacare i compensi dichiarati dal professionista?

La questione è stata più volte discussa nelle aule della Cassazione e l’orientamento che ne è uscito fuori è una via di mezzo, che certo non consente di ritenere l’esistenza di una totale libertà, per il lavoratore autonomo, di non fatturare determinate prestazioni schermandosi dietro lo scudo della gratuità.

È stato infatti sostenuto dai supremi giudici [1] che, se un contribuente sostiene di aver svolto prestazioni a titolo gratuito o a un importo che l’ufficio ritiene di dover sindacare in quanto non congruo, è legittimo l’accertamento dell’Agenzia delle entrate che ha assoggettato a tassazione i compensi non dichiarati, essendosi in presenza di un comportamento manifestamente antieconomico.
La linea di confine tra il lecito e l’illecito è, ovviamente, il caso concreto, la dimensione e l’importanza dell’attività, i rapporti tra il contribuente e il cliente, ma soprattutto la sistematicità con cui tale comportamento viene posto in essere. Ma è sempre bene non sottovalutare l’attenzione del fisco alle operazioni “sospette”.


note

[1] Cass. sent. n. 1915/2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ma perché la foto con i nazisti?
    (non è una richiesta di consulenza, eh, potete rispondere 😉 )

  2. francamente non capisco la connessione tra l’immagine dei nazisti e l’articolo sull’evasione fiscale. gradirei delucidazioni. grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube