Questo sito contribuisce alla audience di
 
Diritto e Fisco | Articoli

Alberi e siepi: distanza, altezza, potatura e radici

14 Luglio 2015
Alberi e siepi: distanza, altezza, potatura e radici

La disciplina prevista dal codice civile e dai regolamenti comunali per regolare la presenza di alberi e siepi nelle adiacenze di edifici, villette o qualsiasi alto tipo di abitazione.

Ragioni di liti tra vicini di casa è spesso la presenza di alberi e siepi nella zona di confine tra le proprietà: le norme, inserite nel codice civile del 1942, avevano all’inizio un’importanza decisiva all’interno di un’economia pressoché rurale; oggi, invece, con lo spostamento delle residenze nei centri urbani, la cementificazione e la creazione dei supercondomini, i problemi sono andati progressivamente diminuendo.

Ad ogni modo, cerchiamo di sintetizzare cosa prevede la legge e le problematiche principali che si possono porre, nonché i modi per risolvere le eventuali contestazioni.

 

Distanze degli alberi

Il codice civile [1] stabilisce che chi vuole piantare alberi presso il confine deve rispettare le distanze stabilite dai regolamenti o, in assenza di questi, dagli usi locali. Se né gli uni né gli altri prevedono nulla, allora scatta la disciplina prevista dalla legge, la quale impone le seguenti distanze minime:

– tre metri per gli alberi di alto fusto;

– un metro e mezzo per gli alberi non di alto fusto;

– mezzo metro per le viti, gli arbusti e le siepi vive.

Ciò significa che chi voglia piantare qualcosa deve mantenersi, a seconda del tipo di piantagione, alle predette distanze dal confine rispetto alla proprietà del vicino.

Tali distanze, però, non sono più obbligatorie tutte le volte in cui, sul confine tra le due proprietà, esista un muro divisorio, a condizione che le piante siano tenute a un’altezza che non superi quella del muro stesso: ciò perché, in tal caso, non c’è più pericolo che i rami e le foglie dell’albero eliminino l’aria e la veduta del vicino, essendo esse già limitate dal muro.

Cosa si intende per albero di alto fusto?

Gli alberi di alto fusto vanno identificati con riguardo alla specie della pianta: lo sono, ad esempio, i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili.

Inoltre, anche nel caso in cui la stessa non sia classificata come di alto fusto, bisogna considerare lo sviluppo da essa assunto in concreto, allorché il tronco si ramifichi a un’altezza superiore a tre metri.

L’obbligo di piantare alberi di alto fusto a non meno di tre metri dal confine si riferisce, però, non solo agli alberi i cui tronchi siano alti più di tre metri, ma anche agli alberi che abbiano alcuni tronchi di altezza inferiore ai 3 metri se gli altri si diramino a una quota superiore a tale misura. Infatti, poiché scopo della norma è quello di evitare che la parte fuori terra degli alberi danneggi i vicini, diminuendo l’aria, la luce o la panoramicità, bisogna valutare la pianta nella sua essenza unitaria.

Alberi piantati in contenitori infissi al suolo

Il divieto di tenere alberi di alto fusto a meno di 3 metri dal confine riguarda anche gli alberi non piantati direttamente nel terreno ma in contenitori infissi al suolo, anche nel caso in cui le radici non tocchino il terreno e quindi non possano invadere il fondo del vicino. Infatti, essi potrebbero comunque compromettere l’aria, la luce o la panoramicità del vicino. Ecco perché le distanze indicate non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del medesimo.

 

Siepi formate da arbusti, piante basse e canneti

Le distanze dal confine per le siepi sono di tre tipi:

– mezzo metro per le siepi vive;

– un metro per le siepi costituite da alberi di alto e medio fusto, come quelle di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo; in questo caso, la presenza dell’albero di alto o medio fusto impedisce la crescita in altezza della siepe e la favorisce in larghezza, rendendo così possibile l’avvicinamento dei rami e dei vari alberi e la formazione della protezione o barriera contro gli agenti esterni;

– due metri per le siepi di robinie.

Siepe formata da alberi di alto o medio fusto

Gli alberi di alto o medio fusto possono costituire una siepe anche se appartengano a specie non contemplate espressamente dalla norma, come i cipressi, ancorché non recisi periodicamente vicino al ceppo, costituendo questa semplicemente una modalità per fare crescere la pianta in larghezza. Pertanto se il giudice del merito accerta che, con la collocazione di essi, si è realizzato lo scopo di costituire una barriera contro gli agenti esterni, cioè una siepe, sussiste l’obbligo di rispettare la distanza di un metro dal confine.

Estirpazione degli alberi

Chi pianta alberi in violazione delle distanze dal confine deve estirparli ed, eventualmente, risarcire il danno al vicino. Per difendersi non ci si può appigliare al fatto che, così facendo, si avrebbe una lesione del paesaggio e dell’ambiente, perché il relativo vincolo è volto a proteggere una determinata zona nel suo complesso e non un determinato tipo di piante.

Addentramento delle radici nel fondo altrui

Se le radici dell’albero si addentrano nella proprietà del vicino quest’ultimo ha il diritto di tagliare da sé, né gli si può imporre l’obbligo di erigere barriere volte a impedire alle stesse di penetrare nel suo fondo.

Protendimento dei rami

È illegittimo anche il protendimento dei rami nella proprietà del vicino e quest’ultimo, in tal caso, non solo potrà raccogliere i frutti che cadono sul proprio terreno, ma può anche imporre al proprietario della pianta la potatura di detti rami, anche con un procedimento in via d’urgenza. Salvo, comunque, il risarcimento del danno.

Tale diritto può essere esercitato in qualsiasi momento, poiché non si forma una servitù per usucapione con il decorso del tempo. Il diritto di mantenere i rami di un albero protesi verso il fondo del vicino può legittimamente costituire oggetto di servitù (potendo quest’ultima avere a oggetto non soltanto una maggiore utilità, ma anche semplicemente una maggiore comodità o mera amenità del fondo dominante) a condizione che questa nasca per contratto oppure per destinazione del padre di famiglia.

Ne consegue che, al fine di ritenere legittimo il protendimento dei rami, il proprietario del fondo è tenuto a provare non già l’esistenza di una servitù di tenere l’albero a distanza inferiore a quella legale, bensì la costituzione (per titolo o per destinazione del padre di famiglia) della specifica servitù di protendimento dei rami nel fondo vicino.

Alberi condominiali e rispetto delle distanze

Nel caso in cui un condomino chieda il risarcimento dei danni e l’eliminazione totale o parziale di alberi che, piantati a distanza ravvicinata l’uno dall’altro in un’aiuola comune, con le loro chiome a ridosso dell’alloggio impediscano l’ingresso dell’aria e della luce, oltre alla questione del rispetto delle distanze di legge occorre anche indagare se la mancata manutenzione degli alberi, anche se piantati alla distanza legale, non costituisca un comportamento negligente del proprietario, idoneo a cagionare un ingiusto danno al vicino.

Potatura degli alberi

In caso di condominio, alle spese di potatura degli alberi che insistono su un suolo di proprietà esclusiva di un solo condomino sono comunque tenuti a contribuire tutti i condomini allorché si tratti di piante funzionali al decoro dell’intero edificio. Sempre con riferimento al decoro dell’immobile, in mancanza di specifiche norme contenute nel regolamento di condominio, le spese per la conservazione e la manutenzione di un giardino di proprietà comune devono essere ripartite fra tutti i condomini in base alle rispettive quote millesimali.

note

[1] Art. 892 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


17 Commenti

  1. Per essere in regola la siepe del confinante quanto deve essere alta? Le dico anche che oltre la siepe c’è anche il muro. Grazie!

    1. Ho il medesimo problema in un condominio. Nelle varie delibere non è stata espressa un’altezza precisa delle siepi ma i pretende che nella proprietà privata l’amministratore faccia tagliare la siepe.
      In questo caso non c’è un muro. Come deve essere gestita questa potatura? Per la privacy non vogliono tagliarla….è giusto?

      1. Per gli alberi che vengono piantati per la prima volta nel suolo, in mancanza di disposizioni diverse stabilite dagli usi locali o da specifici regolamenti di polizia urbana o rurale, esistenti presso i singoli Comuni, devono essere rispettate le seguenti distanze dal confine: tre metri per gli alberi di alto fusto. Dal punto di vista delle distanze, vanno considerati alberi ad alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, ha un’altezza notevole (si pensi ai noci, ai castagni, alle querce, ai pini, ai cipressi, agli olmi, ai pioppi, ai platani e similari); un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto, cioè quelli il cui fusto sorge ad un’altezza non superiore a tre metri e si diffonde in rami; mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto che presentano un’altezza non maggiore di due metri e mezzo. La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo e di due metri per le siepi di robinie. Se Tizio intendesse piantare una siepe di castagno, la distanza che dovrà mantenere dal confine di Caio sarà di un metro in quanto si tratta di alberi che periodicamente devono essere tagliati vicino al ceppo. La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell’albero nel tempo della piantagione o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina. Puoi trovare ulteriori informazioni nei nostri articoli:
        -Le distanze per gli alberi https://www.laleggepertutti.it/273194_le-distanze-per-gli-alberi
        -Le siepi: distanza, altezza, spese https://www.laleggepertutti.it/123879_le-siepi-distanza-altezza-spese
        -Come obbligare il vicino a tagliare la siepe https://www.laleggepertutti.it/180655_come-obbligare-il-vicino-a-tagliare-la-siepe

  2. Sono Paolo , le radici di un pino del vicino mi causato seri danni alla mia proprietà. Posso chiedere in risarcimento?

  3. tra me e gli alberi piantati lungo il muro della proprieta’ che mi ha tolto il diritto di veduta c’e la strada comunale, il comune rifiuta di emettere ordinanza di potatura e non fa rispettare l’articolo 892, La legge non e’ uguale per tutti

    1. Buongiorno ,il mio vicino ha dei pini alti dieci metri..a distanza giusta.Ma sta di fatto che E’ un prato agricolo ,,lasciano cadere il tutto e il mio prato è tutto sporco.
      Vorrei sapere se si può Chiere di Abbassarli?

  4. Io ho un’edera piantata vicino al confine ma nella mia proprietà. Il vicino continua ad entrare con le mani nella mia proprietà e taglia i rami più grossi nella speranza che l’edera muoia. Può farlo?

  5. Chiedo: per le siepi che sono all’interno di proprietà privata e comunque queste si lasciano crescere fuori la rete di confine, vuoi per i fiori i altro, è regolamentare?

    1. Interessato anch’io alla questione! Nel mio caso la siepe non non invade un altra proprietà privata ma un area prettamente condominiale! ( leggasi vialetto di accesso comnune a più appartamenti).
      L’amministratore di condominio non è in grado di rispondere a questa domanda!

  6. se vicino ad un pioppo nato più di 40anni fa viene coltivato un orto l’orticultore ha diritto di chiedere che
    il pioppo venga tagliato ?..fra il pioppo e l’orto c’è un confine/recinzione il pioppo è a due metri. grazie

  7. Il mio vicino oltre ad avere piantato un nespolo, non rispettando la distanza di tre metri dalla mia proprietà, non fa potatura anche se fatto presente più volte.
    Oltre al fatto che non rispetta nessuna regola condominiale.
    Come devo muovermi per ottenere il rispetto di tutte quelle belle regole che la legge dice?
    Devo affrontare costi di avvocati? e poi chi gli potrà imporre cosa dovrà fare? e se non lo fa anche quando li viene imposto?.

  8. Scusate ma esiste regolamento quanto possono essere alti alberi di vicino. MI spiego. Vivo in case popolari e nostro vicino ha alberi in una lunga fila, sono spessi e molto alti, direi 15 metri come minimo. Noi in nostre case non abbiamo abbastanza luce, nostri orti sono sempre in mezza ombra, aria non passa a causa di quelli alberi. L’anno scorso hanno portato tutti alberi tranne quelli da parte nostra. Ho chiesto per che non hanno portato anche rami di questi alberi verso di noi, e risposta e stata che non hanno più soldi. Come si tratta di un grande produttore di salami penso che soldi sono l’ultimo di suoi problemi. Grazie!

  9. Vivo in un condomino5 di 3 piani .io sono al 2 e 3. I pini piantati dal costruttore al piano terra ormai sono cresciuti e sono invadenti perché non sono mai stati potati. A me chiuduno l’aria e la visuale. Il proprietario non ne vuole sapere di tagliarli. Come posso fare?

  10. Salve io vivo in un contesto condominiale di villette a schiera sotto di me c é una persona che ha piantato un albero di ciliegio a 2,90 cm dal mio balcone questo sta crescendo a dismisura togliendomi luce aria e panoramicitá gli ho detto piú di una volta di potarlo e falò crescere allargandosi ma non in altezza ma nn vuole sentire nulla come posso agire

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA