Diritto e Fisco | Articoli

Termini prescrizione: contributi INPS, IRPEF, canone Rai, multe e bollo auto

16 Luglio 2015 | Autore:
Termini prescrizione: contributi INPS, IRPEF, canone Rai, multe e bollo auto

Scopri se la cartella Equitalia ha ad oggetto crediti prescritti: ecco la tabella con tutti i termini di prescrizione INPS, INAIL, imposte sui redditi, tributi locali, canone RAI, multe, bollo auto, diritti camerali.

 

In quanto tempo si prescrivono le tasse: cerchiamo di capirlo con questo articolo schematico e semplice da comprendere anche per chi non è avvocato. La prescrizione è, in poche parole, la sanzione per non aver esercitato un diritto nei termini. Un credito prescritto è un credito estinto.

Diversa dalla prescrizione è la decadenza, cioè la sanzione per non aver esercitato una determinata azione necessaria ad acquisire un diritto.

In tema di riscossione tramite cartelle esattoriali (quelle cioè notificate da Equitalia), prescrizione e decadenza spesso vengono confuse. Vediamo allora come si traducono:

– il diritto si prescrive dopo un certo periodo di tempo decorso senza che Equitalia abbia notificato alcun atto interruttivo; ne consegue l’impossibilità di pretendere il pagamento né con riscossione né tramite azione giudiziale;

Equitalia decade dall’azione di riscossione se entro determinati termini non notifica alcun atto della riscossione (avvisi e cartelle). La decadenza però non comporta l‘estinzione del diritto ma l’estinzione dell’azione. Difatti se Equitalia decade dalla riscossione ma il credito non è ancora prescritto, questo può comunque essere preteso in via giudiziaria tramite un’azione davanti al giudice. La decadenza infatti non annulla il diritto di credito ma il diritto di Equitalia ad agire mediante riscossione.

Per esempio: l’IRPEF si prescrive in 10 anni ma l’Agenzia delle entrate decade dalla possibilità di agire mediante riscossione esattoriale se Equitalia non notifica la cartella entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Se la cartella viene notificata dopo il termine dei prescrizione di dieci anni, il credito è ormai estinto e la cartella deve essere annullata. Se la cartella viene notificata dopo il termine di decadenza, ma prima del termine di prescrizione, la cartella è comunque nulla (perchè sono scaduti i termini per riscuotere mediante ruolo) ma il credito è ancora esigibile e quindi può essere preteso tramite una causa davanti al giudice.

In questo articolo ci occupiamo dei termini di prescrizione dei più diffusi crediti oggetto di cartelle esattoriali. Decorsi tali termini, senza che sia stato notificato al contribuente un atto interruttivo (lettere di messa in mora, avvisi, cartelle), i crediti si estinguono.

N.B. tutti i termini di seguito indicati devono intendersi a prescrizione decennale se i crediti sono accertati dal giudice con sentenza passata in giudicato.

  

Crediti INPS: prescrizione

La prescrizione dei contributi INPS è regolata dalla Legge 335/1995 che prevede i seguenti termini:

a) Contributi di previdenza e assistenza sociale obbligatoria:

10 anni per contributi anteriori al 1 gennaio 1996;

5 anni per i contributi successivi al 1 gennaio 1996;

10 anni quando il mancato versamento dei contributi è denunciato dal lavoratore o dai suoi superstiti;

b) Contributi Fondo pensioni lavoratori dipendenti e altre gestioni pensionistiche obbligatorie (compreso il contributo di solidarietà dall’articolo 9-bis, comma 2, del decreto-legge 29 marzo 1991, n. 103):

10 anni per contributi anteriori al 1 gennaio 1996;

5 anni per i contributi successivi al 1 gennaio 1996;

10 anni quando il mancato versamento dei contributi è denunciato dal lavoratore o dai suoi superstiti;

c) Contributi minori (DS, TBC, ENAOLI, SSN ecc.):

5 anni;

d) Contributi dovuti da artigiani, esercenti attività commerciali e lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata:

5 anni;

e) Somme aggiuntive (cioè sanzioni applicate in caso di ritardato o mancato versamento dei contributi):

10 anni (Cass. sent. n. 14152/2004 e n. 18148/2006).

I termini di prescrizione dei contributi e delle sanzioni decorrono dal giorno in cui i contributi dovevano essere versati. Nel caso di contributi a percentuale sul reddito i termini decorrono dal giorno in cui doveva essere versato il saldo risultante dalla dichiarazione dei redditi dell’anno di riferimento, come confermato dall’INPS nella circolare n. 69 del 25 maggio 2005.

Crediti INAIL: prescrizione

La prescrizione dei contributi INAIL (es. rate premio INAIL) è regolata dalla Legge 335/1995 e si applicano dunque gli stessi termini previsti per i contributi INPS:

10 anni per contributi anteriori al 1 gennaio 1996;

5 anni per i contributi successivi al 1 gennaio 1996.

La circolare INAIL n. 32 del 1996 precisa la disciplina dei termini di prescrizione nelle seguenti situazioni:

Accertamenti ispettivi effettuati a far data dal 17 agosto 1995

Il termine di prescrizione da applicare è quello quinquennale. Ne consegue, per quanto ovvio, che la richiesta dei premi, se non ancora effettuata, debba essere limitata a cinque anni; qualora invece sia stata già inoltrata anche per il periodo eccedente il quinquennio, occorrerà procedere alla riliquidazione dei premi nel limite prescrizionale di cinque anni.

Naturalmente, in caso di avvenuto pagamento, si dovrà procedere al rimborso della quota di premio riferita agli anni eccedenti i cinque.

Rimborso eccedenze

Le eccedenze, vale a dire le somme pagate in più rispetto al richiesto, si configurano come un pagamento indebito per il rimborso del quale rimangono salvi i termini della prescrizione ordinaria decennale prevista dall’articolo 2946 del codice civile.

Rimborso regolazioni passive

La regolazione passiva non si può configurare come un indebito oggettivo in quanto consiste in una differenza a favore del datore di lavoro tra premio anticipato e premio effettivamente dovuto. Per tale motivo, detto rimborso non può che soggiacere alla prescrizione quinquennale prevista per le contribuzioni nel sistema previdenziale.

Imposte erariali (IRPEF, IRAP, IVA): prescrizione

Non esiste una norma specifica che stabilisce il termine di prescrizione delle imposte erariali. Proprio per la mancanza di una previsione legale si applica il termine di prescrizione ordinario di 10 anni (art. 2946 codice civile). La prescrizione decennale è confermata anche dalla Cassazione (sent. n. 4283/2010).

Tributi locali (IMU, ICI, TARSU, TASI, TOSAP ecc.): prescrizione

Non esiste una norma specifica che stabilisce il termine di prescrizione dei tributi locali. Proprio per questo motivo, e dato che si tratta di tributi periodici, essi si prescrivono nel termine di 5 anni (art. 2948, n. 4, codice civile). Il termine di prescrizione quinquennale è confermato dalla Cassazione (sent. n. 4283/2010).

 

Sanzioni per violazione del Codice della Strada: prescrizione

Il diritto a riscuotere le somme dovute per le violazioni al codice della strada si prescrive nel termine di 5 anni decorrenti dal giorno in cui è stata commessa la violazione (art. 209 cod. della strada e art. 28 della Legge n. 689/1981).

Bollo auto: prescrizione

Il bollo auto si prescrive in 3 anni e più precisamente con il decorso del terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento (art. 5 del D.l.953/82, così come modificato dall’art.3 del D.l. 2/86 convertito nella legge 60/86).

Canone RAI: prescrizione

Il canone Rai si prescrive in 10 anni. Il termine decorre dalla fine di gennaio dell’anno in cui va corrisposto il canone. La prescrizione decennale è confermata dalla Cassazione (sent. n. 18432/ 2005).

Diritti annuali Camera di Commercio: prescrizione

Non esiste una norma specifica che stabilisce il termine di prescrizione dei diritti camerali. Proprio per questo motivo, si tende ad applicare il termine di 10 anni (art. 2946 codice civile).

Non mancano tuttavia sentenze che prediligono l’applicazione del termine quinquennale sulla base che si tratta di tributo periodico (CTR Roma sent. n. 544/1/2010 e CTR Ferrara 523/2013).

Le sanzioni per omesso o ritardato versamento si prescrivono invece in 5 anni.

Tabella riepilogativa

Tipo di creditoTermini di prescrizione
Contributi INPS5 anni (10 per contributi anteriori al 1 gennaio 1996 e per somme aggiuntive)
Contributi INAIL5 anni
IRPEF10 anni
IRAP10 anni
IVA10 anni
IMU, ICI5 anni
TASI, TARSU. TOSAP e altri tributi locali5 anni
Sanzioni per violazioni al codice della strada5 anni
Bollo auto3 anni
Canone Rai10 anni
Diritti annuali Camera di Commercio10 anni (5 per sanzioni)


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Buongiorno a tutti! Ieri mi è arrivata da equitalia una cartellaesatoriale dell’INAIL del dicembre 2005. Come mi devo comportare? Non è fuori dei termini di prescrizione? Grazie

  2. Buongiorno!
    quindi il bollo auto si prescrive dopo 3 anni, se non ho capito male. La decadenza invece, resta invariata per qualunque tipologia di tributo e/o imposta? Quindi è di 3 anni sempre e comunque?
    Nel caso in cui i bolli 2009,2010,2011 vengano notificati con accertamento nel 2015, come opporsi? Grazie

  3. PER QUEL CHE RIGUARDA IL CODEICE DELLA STRADA, IL TERMINI DI 5 ANNI è PER L’ISCRIZIONE A RUOLO E LA NOTIFICA DELLA CARTELLA, CHE DEVE AVVENIRE ENTRO I 5 ANNI DALLA DATA DI NOTIFICA DEL VERBALE, UNA VOLTA ISCRITTA ENTRO QUESTO TERMINE E LA CARTELLA ESATTORIALE è NOTIFICATA, IL TRIBUTO è SEMPRE ESIGIBILE SE EQUITALIA INTERROMPE I TERMINI INVIANDO AVVISI E AVVIO DI PROCEDURE ESECUTIVE…

  4. mi è arrivata cartella equitalia 19.4.2016 per richiedere un pagamento per diritti e sanzioni camerali della CCIA di Roma risalenti al 2001 e notificati nel 2006 (mai ricevuta tale notifica)
    per 32,99 euro!!! Come fare per opporsi dato che si tratta di 15 anni fa?!!!!!

  5. Dato che mi ritrovo nel caso, ed ho notizie sia da Equitalia, che dall’Agenzia delle Entrate, che da legali, vorrei capire da cosa vi risulta che l’IRAP indovuta, ma versata, sia rimborsabile entro o 10 anni?
    A me risulta che la rimborsino solo entro i 4 anni successivi all’anno di versamento.
    Cortesemente, mi dareste documentazioni di quanto affermato nel suddetto articolo?
    Grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube