Negoziazione assistita: 250 euro per pagare gli avvocati

16 Luglio 2015
Negoziazione assistita: 250 euro per pagare gli avvocati

Solo in caso di successo della negoziazione assistita o dell’arbitrato, il cliente beneficerà di un credito d’imposta di 250 euro per pagare la parcella dell’avvocato.

 

Spunta di nuovo il credito d’imposta per incentivare la soluzione della causa attraverso la negoziazione assistita dagli avvocati oppure l’arbitrato. È stato infatti presentato, d’intesa con il ministero della Giustizia, un emendamento al dl sulla riforma della giustizia civile che riconosce un credito d’imposta fino a un massimo di 250 euro per compensare la parte che, avendo definito bonariamente la lite attraverso la negoziazione assistita o l’arbitrato, all’esito delle suddette procedure deve pagare la parcella all’avvocato (in caso di negoziazione) o il compenso all’arbitro (in caso di arbitri).

Dunque, il credito scatta solo in caso di esito positivo della procedura alternativa alla lite in tribunale: nel caso, invece, in cui le parti non dovessero trovare un accordo e si dovesse finire in tribunale, l’onorario del difensore resta integralmente a carico del cliente.

L’agevolazione viene prevista, in via sperimentale, solo per gli ultimi mesi del 2015, salvo il rinnovo per i successivi anni e, comunque, previa copertura economica.

In verità la stessa norma era già prevista nell’originario testo del dl, ma poi era stata stralciata per mancanza di copertura economica. Ora, la differenza sta proprio nel limite di tempo entro cui essa viene riconosciuta (solo per il 2015), consentendo ciò un maggior monitoraggio dell’andamento del bonus.

Come funziona il bonus

Sarà un decreto del Ministro della giustizia, che dovrà essere adottato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge, a stabilire le modalità e la documentazione da esibire a corredo della richiesta del credito di imposta e i controlli sulla sua autenticità.
Il ministero della Giustizia comunicherà poi all’interessato, entro il 30 aprile dell’anno 2016, l’importo dei credito d’imposta effettivamente spettante in relazione a ogni procedimento e trasmette, in via telematica, all’Agenzia delle entrate, l’elenco dei beneficiari e i relativi importi comunicati a ciascuno.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube