Business | Articoli

IMU e TASI: agevolazioni per casa inagibile, come richiederle

15 Giugno 2016
IMU e TASI: agevolazioni per casa inagibile, come richiederle

Con la casa inagibile sono previsti sconti per il pagamento delle tasse. Ecco come fare per ottenerli.

Come è noto scade il 16 giugno l’acconto Imu e Tasi. Coloro i quali si trovano nella condizione di avere una casa inagibile sulla quale viene comunque richiesto il pagamento delle tasse ad essa connessa devono sapere che il versamento delle due imposte è dovuto ma con alcuni sconti e agevolazioni.

Sia per l’IMU, sia per la TASI (per analogia) le agevolazioni consistono nella riduzione del 50% della base imponibile. L’acconto Tasi e Imu 2016, dunque nel caso di case inagibili, inabitabili o di interesse storico-artistico dovrà essere calcolato tenendo conto della metà della base imponibile.

IMU e TASI: come si certifica lo stato di inagibilità dell’immobile?

L’inagibilità di un immobile viene certificato dall’ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario. Il proprietario stesso dovrà presentare la documentazione relativa o opportuna dichiarazione sostitutiva con la quale egli stesso si assume la responsabilità di dichiarare le condizioni dell’immobile.

L’agevolazione è limitata al periodo dell’anno durante il quale permane lo stato di precarietà dell’immobile, dovrà dunque essere ripresentata per il prossimo anno.

Per avere altri dettagli rispetto all’IMU e alla TASI leggi anche il nostro approfondimento IMU E TASI: scade l’acconto, la guida completa.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube