Diritto e Fisco | Articoli

Diritto ai congedi parentali anche se la moglie non lavora

19 Luglio 2015
Diritto ai congedi parentali anche se la moglie non lavora

È contrario ai principi della Comunità Europea negare al dipendente i congedi parentali solo perché il coniuge è disoccupato: si tratta di un diritto del lavoratore che prescinde dalla situazione familiare.

Non si può negare al dipendente il congedo parente solo perché l’altro coniuge è a casa e non lavora: una previsione del genere, infatti, è contraria ai principi dell’UE. Lo ha chiarito la Corte di Giustizia con una recente sentenza [1]. Prendersi cura del proprio figlio è un diritto individuale di ciascun lavoratore, che non può dipendere dalla situazione occupazionale del coniuge.

La decisione, sorta nei confronti di una legge greca, ha efficacia in tutta l’Eurozona e, quindi, anche in Italia dove il problema è assai sentito. Un dipendente aveva chiesto il congedo parentale retribuito per prendersi cura del figlio, che non gli veniva concesso dal datore di lavoro perché la moglie non lavorava.

Secondo, invece, la Corte di Giustizia la legge nazionale non può privare un dipendente pubblico del diritto al congedo parentale solo perché il coniuge non esercita alcuna attività lavorativa. Ciascun genitore è titolare individualmente del diritto al congedo parentale: si tratta di una prescrizione minima alla quale gli Stati Ue non possono derogare con le loro leggi o convenzioni collettive. Diversamente si andrebbe a discriminare le famiglie monoreddito.

La carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea riconosce infatti al diritto al congedo parentale il rango di un diritto sociale fondamentale. La privazione di tale diritto è contrario alla direttiva sulla parità di trattamento in materia di occupazione perché pone in essere una distribuzione tradizionale dei ruoli tra gli uomini e le donne, mantenendo i primi in un ruolo sussidiario rispetto a quello delle donne per quanto riguarda l’esercizio della funzione genitoriale.


note

[1] C. Giust. UE sent. causa n. C-222/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube