Diritto e Fisco | Articoli

Agevolazioni prima casa se si è già proprietari di immobili

19 Luglio 2015
Agevolazioni prima casa se si è già proprietari di immobili

Ho ricevuto in eredità il 50% della proprietà di un immobile sito nel Comune ove risiedo: se volessi acquistare una nuova casa potrei usufruire ugualmente del bonus “prima casa”?

Le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa [1] (consistenti, se si acquista da ditta di costruzione, nell’Iva al 4% e imposta di registro, ipotecarie e catastali in misura fissa pari a 200 euro cadauna, oppure, se si tratta di acquisto non da impresa, imposta di registro 2% e ipotecarie e catastali in misura fissa pari a 50 euro cadauna) si applicano a condizione che, nell’atto di compravendita, l’acquirente dichiari:

a) di non essere (sia a titolo esclusivo che in comunione con il coniuge) proprietario, usufruttuario, o titolare di uso o abitazione, di altra casa di abitazione nel territorio dello stesso Comune dove si trova l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato;

b) di non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su un altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, fruendo delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa. In particolare, l’immobile deve trovarsi nel Comune di residenza dell’acquirente (o, se in Comune diverso, il contribuente deve, entro 18 mesi, trasferirvi la propria residenza).

In buona sostanza, se il contribuente non è ancora titolare di una casa che abbia usufruito del bonus prima casa, può ottenere l’agevolazione sempre che nello stesso Comune dell’immobile da agevolare non abbia la proprietà (anche in comunione) di altra casa.

Nel caso di specie, la prima cosa quindi da fare è verificare se il lettore, al momento dell’acquisto della quota sull’immobile avuto in eredità, abbia già fruito, per la sua quota, delle agevolazioni “prima casa”. In tal caso, non può usufruire dei benefici perché già possiede una porzione di abitazione in Italia, acquistata con i benefici “prima casa”.

Viceversa, se le agevolazioni in sede di successione non sono state chieste, è possibile fruire in ogni caso dei benefici fiscali, in quanto nel Comune di residenza possiede solo una quota di abitazione (non intera proprietà) acquistata per successione senza fruire dei benefici prima casa.


note

[1] Dpr 633/1972 n. 21, tabella A, parte II, o articolo 1, tariffa, del Dpr 131/1986.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sono separato e proprietario al 50% dell’appartamento in cui vive mio figlio con sua mamma,posso acquistare un appartamento con agevolazioni prima casa?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube