Diritto e Fisco | Articoli

Forum, blog, social e siti: sì al sequestro per diffamazione

19 Luglio 2015 | Autore:
Forum, blog, social e siti: sì al sequestro per diffamazione

Non si può oscurare il giornale online per diffamazione, ma il blog o il semplice sito internet sì: le Sezioni Unite della Cassazione equiparano alla stampa tradizionale non tutto il web ma solo chi fa giornalismo professionale.

Un blog, un forum o un sito internet può essere tranquillamente oscurato (o meglio, per usare una terminologia giuridica, “soggetto a sequestro preventivo”) se vi è il fondato sospetto che, attraverso di esso, sia stato commesso un reato come, ad esempio, la diffamazione. Questo perché, a differenza delle testate giornalistiche vere e proprie, un comune sito non gode delle garanzie che la nostra legge e la Costituzione riconoscono alla stampa tradizionale. Il che equivale a dire che non si è giornalisti solo perché si è proprietari di un dominio web.

A mettere i paletti sui diritti e doveri dell’informazione online è un’importantissima sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione pubblicata venerdì scorso [1]. Una pronuncia storica, che vara un orientamento innovativo nell’ambito dei rapporti tra utenti e web. La suprema Corte, infatti, per la prima volta, distingue il mare di internet in due diverse categorie: chi fa informazione giornalistica vera e propria da tutti gli altri casi. Ebbene, solo nella prima ipotesi si applicano le norme a tutela della stampa che impediscono il sequestro preventivo del giornale; negli altri casi, invece, fermo restando il principio della libertà di espressione, la magistratura può decidere il sequestro preventivo a garanzia di eventuali interessi di terzi.

Dunque, solo la testata giornalistica online non può essere oscurata, il semplice sito internet sì. Ma come distinguere l’una dall’altro? Non sarà facile e qui – c’è da scommetterlo – pioveranno numerose sentenze. Intanto, per il momento, la Cassazione offre dei requisiti minimi per poter distinguere quando applicare il bavaglio alla pagina web e quando invece no. Per poter parlare, in particolare, di una testata giornalistica online si deve trattare di un prodotto editoriale vero e proprio ossia:

– deve essere registrato presso il Tribunale del luogo in cui ha sede la redazione;

– deve avere un direttore responsabile (iscritto all’Albo dei giornalisti);

– con una propria testata identificativa;

– deve essere diffuso con regolarità in rete e non saltuariamente;

– deve avere la finalità di raccogliere, commentare e criticare notizie di attualità dirette al pubblico;

– deve avere ha un hosting provider (al posto del classico stampatore) e un editore registrato presso il registro degli operatori della comunicazione.

Non sono tali, invece, i blog, i forum, i social network e tutti gli altri siti che fanno informazione senza rispettare i predetti requisiti. Si tratta di forme di comunicazione che costituiscono certamente espressione del diritto di libera manifestazione del pensiero, ma non possono godere delle garanzie costituzionali in tema di sequestro della stampa. Essi rientrano quindi nella vasta area di prodotti privi delle tutele e obblighi previsti dalla normativa sull’informazione.

I commenti degli utenti

Stesso discorso viene fatto per i commenti postati da terzi. Il titolare del sito o del forum resta responsabile e ha l’obbligo di cancellazione di eventuali contenuti postati dagli utenti che siano lesivi dei diritti di terzi se vuole evitare l’oscuramento della pagina. Anche ai commenti, infatti, non si applicano le garanzie previste dalle leggi speciali per la stampa, anche se resta sempre garantita la libertà di espressione: libertà che, comunque, cessa laddove iniziano le libertà altrui.


note

[1] Cass. S.U., sent. n. 31022/15 del 17.07.2015.

 

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube