Diritto e Fisco | Articoli

Condominio, spese per le fogne: partecipano tutti anche i non collegati

21 Luglio 2015
Condominio, spese per le fogne: partecipano tutti anche i non collegati

Anche in caso di distacco dal collegamento con la rete fognaria, i condomini devono pagare ugualmente le spese per il rifacimento dell’impianto: lo scarico resta comune.

Non basta staccarsi da un impianto comune condominiale, come ad esempio l’impianto fognario (ma lo stesso discorso può farsi, ad esempio, con il riscaldamento) per evitare di pagare le spese di manutenzione. Così, in caso di rifacimento della fogna, a dover versare gli importi secondo millesimi sono anche quei condomini che si sono distaccati dalla rete. A chiarirlo è la Cassazione con una recente sentenza [1].

Per evitare l’esborso – chiarisce la Corte – non ci si può appigliare al fatto che il codice civile prevede [2], in via generale, il principio secondo cui ciascun condomino partecipa alle spese condominiali in proporzione all’utilizzo che fa dei servizi comuni. Tale regola, infatti, si applica solo nel caso di impianti di cui è previsto l’utilizzo separato da parte dei singoli condòmini: cosa che, certo, non ricorre né con le fogne, né con il riscaldamento, ma potrebbe ricorrere, per esempio, con l’ascensore di un’altra scala del supercondominio.

Pertanto, l’unico modo per evitare di pagare le somme chieste dall’amministratore è quello di dimostrare che l’impianto fognario non sia in comunione tra tutti i condomini, ma appartenga solo ad alcuni condomini (che ne sono gli unici proprietari): una prova, tuttavia, che si può fornire solo attraverso il titolo di proprietà. In altre parole, l’atto di acquisto dell’immobile deve specificare che l’impianto fognario è di proprietà esclusiva di altri condomini [3].

Secondo la giurisprudenza della Cassazione [4], l’impianto fognario rientra tra quei beni comuni di cui il singolo condòmino è proprietario in proporzione al valore del suo immobile (valore in genere indicato nella Tabella millesimale A): di conseguenza, le spese per la conservazione vanno ripartite in misura proporzionale al valore delle singole proprietà.

Nella sentenza in commento, e sempre con riferimento all’impianto fognario dal quale alcuni condomini si sono staccati, i giudici supremi chiariscono poi che le spese devono essere suddivise in funzione della quota di partecipazione alla proprietà (millesimi) e non in funzione del concreto utilizzo degli impianti.


note

[1] Cass. sent. n. 13415 del 30.06.2015.

[2] Art. 1123 cod. civ.

[3] Cass. sent. n. 11391/2002 e n. 7449/1993.

[4] Cass. sent. n. 11423/1990 e n. 13160/1991.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Posso staccarmi daL collegamento principale fogne senza avvertire gli altri 5 condomini? Non abbiamo amministratore.

  2. Ho lo stesso problema, abbiamo, durante la ristrutturazione dell’appartamento, costruito una nuova tubazione di scarico distaccandoci completamente dalla vecchia che serviva il bagno dell’appartamento superiore. Ora i proprietari di quell’appartamento pretendono che si contribuisca alle spese per la sostituzione della vecchia tubazione. Dobbiamo davvero partecipare alla spesa?

  3. Salve, io sto in affitto, a quanto oare nessuno vuole aggiustare la fogna, il proprietario di casa non parla, legge ma non risponde, non so se lui vuole mettere i soldi per risolvere le infiltrazioni nei ripostigli a piano terra, spesso puzza sopratutto quando me risale tanta(combinazione di forti piogge e svuotamento pozzo non ancora effettuato), a spurgare spurgano regolarmente ma non me vogliono di fare i lavori.
    Essendo la fogna un problema amche di igiene esiste la possibilità di mandare qualcuno a controllare, tipo asl o comune?
    Se gli fanno un bel multone forse capiscono e si danno una mossa.
    Il ripostiglio sta diventando inutilizzabile, debbo lasciare i lati vuoti e usare gli scaffali solo nella parte alta, ho buttato tanta di quella roba che ci ho perso il conto(quasi tutto con poco valore ma alcune cose avevano valore affettivo)
    Grazie per le eventuali informazioni.che riusciate a darmi

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube