Diritto e Fisco | Articoli

Convocazione assemblea di condominio: serve la prova

21 Luglio 2015
Convocazione assemblea di condominio: serve la prova

L’amministratore di condominio non deve dimostrare solo l’invio della raccomandata a.r. ma anche l’immissione dell’avviso di giacenza nella buca delle lettere. 

Il codice civile stabilisce [1] l’obbligo, per l’amministratore di condominio, di comunicare la convocazione dell’assemblea almeno cinque giorni prima della data fissata per l’adunanza in prima convocazione. Tale comunicazione può avvenire sia con raccomandata a.r., sia con posta elettronica certificata (PEC) almeno per quei condomini che ne siano muniti, ma anche con fax o tramite consegna a mano (ovviamente controfirmata dal condomino).

Ma che succede se, utilizzata la modalità della raccomandata con avviso di ricevimento, il condomino non è presente nell’immobile e, quindi, materialmente non la riceve?

In generale, la posta non consegnata per assenza temporanea del destinatario viene depositata all’ufficio postale fino alla cosiddetta compiuta giacenza e di tale deposito viene data comunicazione, al destinatario medesimo, con un secondo avviso, inviato anch’esso con raccomandata, di cui il postino fornisce attestazione al mittente.

Ebbene, in questi casi, se il condomino asserisce di non aver mai ricevuto l’avviso di convocazione dell’assemblea, all’amministratore non basta dimostrare di aver spedito la prima raccomandata, ma deve anche provare che l’avviso di giacenza (adempimento che consente di acquisire conoscenza dell’invio della comunicazione e la conoscibilità del suo contenuto) sia stato immesso nella cassetta postale del destinatario.

È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente ordinanza [2].

Dunque, non è sufficiente inviare l’avviso di convocazione dell’assemblea a mezzo posta per potersi dire assolto l’obbligo di comunicazione della convocazione, in quanto permane sempre l’onere di provare che l’atto sia giunto a destinazione o meglio, nella sfera di conoscibilità del destinatario: onere a cui l’amministratore adempie solo producendo l’attestazione, fornita dal servizio postale, di invio della seconda raccomandata al destinatario con cui lo avvisa del deposito del plico presso l’ufficio.


note

[1] Art. 66 disp. att. cod. civ.

[2] Cass. Ord. n. 13015/2015.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sono un locatario commerciale, le delibere condominiali non mi sono mai pervenute, e, salvo attraverso particolari mezzi propri ho realizzato solo ora che mi addebitano un terzo del consumo dell’acqua condominiale. Da chi vado? Dalla proprietà, che disintressandosi ha pagato gli oneri o dal condominio che ovviamente resiste nel consegnarmi ciò che mi spetta?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube