Diritto e Fisco | Articoli

Sfratti: ecco le città più a rischio

21 Luglio 2015 | Autore:
Sfratti: ecco le città più a rischio

Cosenza, Monza/Brianza, Avellino e Prato sono le province in cui l’incidenza degli sfratti rispetto al numero di famiglie in affitto è più elevata e preoccupante.

Un’indagine statistica condotta da Solo Affitti rivela quali sono le province italiane più colpite dalle procedure di sfratto. Al primo posto vi è la provincia di Cosenza, immediatamente seguita da Monza/Brianza, Avellino, Prato. Seguono Frosinone, Brindisi, Pistoia, Taranto e Grosseto.

Le province con minore incidenza degli sfratti risultano invece Bolzano, Caserta, Trento Verbania, Milano e Cuneo.

Dal punto di vista regionale, la situazione più critica è quella della Toscana (con ben 6 province fra le prime venti a maggiore rischio sfratti), seguita da Puglia e Lombardia. La regione con la migliore situazione è invece il Trentino Alto Adige.

L’analisi ha avuto ad oggetto più precisamente l’incidenza degli sfratti in rapporto al numero di famiglie che occupano gli immobili in qualità di affittuari. È stato preso in considerazione l’intero territorio nazionale e sono stati incrociati i dati ISTAT sulla popolazione delle famiglie in affitto con i dati del Ministero dell’Interno sul numero assoluto degli sfratti.

La causa del maggior numero di sfratti in rapporto al numero di affitti è da individuarsi nella morosità in aumento degli inquilini, più elevata ovviamente nelle province più colpite dalla crisi economica. Secondo Solo Affitti un’altra causa è da individuarsi nel mancato rinnovo degli accordi sul canone (cosiddetto canone concordato) che in alcune province è fermo da anni. Per esempio, il canone concordato ad Avellino non viene rinnovato da 16 anni.

L’indagine dimostra che la drammaticità dei dati è connessa non tanto agli sfratti per finita locazione quanto a quelli per cosiddetta “morosità incolpevole”, cioè per impossibilità degli inquilini di pagare i canoni di locazione a causa della mancanza di risorse economiche adeguate.


note

Autore immagine 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube