Riforma Previdenza, opzione contributiva o nuova pensione anticipata

23 Luglio 2015 | Autore:
Riforma Previdenza, opzione contributiva o nuova pensione anticipata

La riforma delle pensioni è in dirittura d’arrivo: da una parte Boeri, che vorrebbe un’estensione dell’Opzione Donna, dall’altra Damiano, con un nuovo sistema di penalizzazioni ed incentivi.

Ancora infuocato, in questi giorni, il dibattito in Parlamento sulla riforma previdenziale; molte sono state, sinora, le proposte, e molti anche i contrasti. L’unico punto su cui pare che tutti siano d’accordo, è che la Legge Fornero, o meglio il DL Salva Italia [1], così com’è, sia inaccettabile: troppi, infatti, sono i lavoratori over 50 in difficoltà, o addirittura in esubero.

Attualmente, difatti, i requisiti per ottenere la pensione di vecchiaia sono:

— 66 anni e 3 mesi d’età per i lavoratori autonomi ed i dipendenti privati:

— 63 anni e 9 mesi per le dipendenti private;

— 66 anni e 3 mesi d’età per i lavoratori e le lavoratrici della P.A.;

— 64 anni e 9 mesi per le lavoratrici autonome;

— per tutti, sono altresì necessari 20 anni di contributi ed un assegno pari a 1,5 volte l’assegno sociale;

–solo per chi ha versato il primo contributo dal primo gennaio 1996, sarà possibile pensionarsi con 5 anni di contributi, ma almeno 70 d’età.

Per ottenere la pensione anticipata nel 2015, i requisiti di contribuzione sono, per gli uomini, 42 anni e 6 mesi e, per le donne, 41 anni e 6 mesi.

Esistono, poi, diverse deroghe ancora in vigore, insufficienti, tuttavia, a risolvere le problematiche per l’accesso alla quiescenza poste dalla Fornero.

L’Onorevole Damiano, a questo proposito, ha presentato un’interessante proposta, più volte riformulata, che allo stato attuale prevede il collocamento a riposo coi seguenti requisiti:

– almeno 35 anni di contribuzione;

– almeno 62 anni d’età ( con una penalizzazione annua del 2%, sino ad arrivare ai 66 anni; la penalizzazione diminuisce se gli anni di contributi sono più di 35);

-un assegno pari almeno a 1,5 volte l’assegno sociale;

– in alternativa, 41 anni di contributi, a prescindere dall’età, senza penalizzazioni.

Per chi resta in servizio dopo i 66 anni, si guadagna invece il 2% per ogni anno di permanenza, sino ai 70 anni (dunque, con un premio effettivo dell’8% in più per i settantenni).

Il disegno di legge non piace, però, al Presidente dell’Inps, Tito Boeri, poiché richiederebbe un dispendio non indifferente, e non ci sarebbero le coperture.

Secondo il Presidente, sarebbe allora meglio l’estensione dell’Opzione Donna senza limiti ed anche agli uomini: ricordiamo, per chi non lo sapesse, che tale beneficio, noto anche come Opzione Contributiva, consente alle lavoratrici di pensionarsi a 57 anni e 3 mesi d’età (58 e 3 mesi se autonome), con 35 anni di contributi, ma utilizzando il calcolo della pensione interamente contributivo, meno vantaggioso rispetto al retributivo ed al misto.

Fioccano, a questo proposito, i calcoli ed i confronti tra i diversi metodi di quantificazione del trattamento: i più, compreso lo stesso Boeri, parlano di una penalizzazione minima del 10%, per chi si colloca a riposo col metodo contributivo, e massima del 30%.

Tuttavia, proiezioni di questo genere sono inutili, anche perché gli importi possono variare notevolmente a seconda dell’età, degli anni di contribuzione e del particolare percorso lavorativo di un soggetto; nemmeno il servizio “la mia pensione” dell’Inps può essere di grande utilità a riguardo, specie se sono stati versati contributi in gestioni diverse, o se vi sono riscatti o ricongiunzioni da effettuare.

Inoltre, non dimentichiamo che, dalle ultime indagini Istat, oltre il 30% delle pensioni liquidate dall’Istituto siano errate: è bene allora, per effettuare una scelta ponderata, rivolgersi ad un professionista del settore, come un Consulente del lavoro. E ricordarsi di conservare i conteggi in caso di futuro ricorso.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube