Lavoro e Concorsi | Articoli

Inps, Bando Supermedia, 15.330 borse di studio in palio

25 Luglio 2015 | Autore:
Inps, Bando Supermedia, 15.330 borse di studio in palio

Appena indetta dall’Inps una procedura pubblica per l’assegnazione di oltre quindicimila borse di studio.

 

Buone notizie per i dipendenti ed i pensionati della Pubblica amministrazione: l’Inps ha appena attivato un nuovo bando, mediante il quale verranno assegnate 15.330 borse di studio, per gli studenti delle scuole medie o superiori.

Nel dettaglio, le borse di studio, per i figli di dipendenti e pensionati pubblici (compresi ovviamente gli orfani), saranno così suddivise:

1250 borse da € 750 per chi ha frequentato l’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado, conseguendo il relativo titolo di studio, nell’Anno Scolastico 2013/2014;

1250 borse da € 750 per chi ha frequentato l’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado, conseguendo il relativo titolo di studio, nell’Anno Scolastico 2014/2015;

4.350 borse da € 800, per chi ha frequentato i primi quattro anni della scuola secondaria di secondo grado ( licei, istituti tecnici, istituti magistrali, istituti professionali, Conservatori ), oppure corsi di formazione professionale di durata non inferiore a 6 mesi, nell’Anno Scolastico 2013/2014;

4.350 borse da € 800, per chi ha frequentato i primi quattro anni della scuola secondaria di secondo grado ( licei, istituti tecnici, istituti magistrali, istituti professionali, Conservatori ), oppure corsi di formazione professionale di durata non inferiore a 6 mesi, nell’Anno Scolastico 2014/2015;

2.065 borse da € 1.300, per chi ha frequentato il quinto anno della scuola secondaria di secondo grado, con il conseguimento del relativo titolo di studio, nell’Anno Scolastico 2013/2014;

2.065 borse da € 1.300, per chi ha frequentato il quinto anno della scuola secondaria di secondo grado, con il conseguimento del relativo titolo di studio, nell’Anno Scolastico 2014/2015.

Chi partecipa relativamente all’ultimo anno della scuola secondaria di primo grado (Terza Media) deve avere i seguenti requisiti:

– essere stato promosso nell’A.S. 2013/14 o nell’A.S. 2014/2015 ed aver ottenuto il relativo titolo di studio, con un voto pari almeno a 8/10 (6/10 se disabile ai sensi della Legge 104 o invalido al 100%)

– non essere in ritardo nel ciclo di studi per più di un anno, considerata l’intera carriera scolastica (esclusi i disabili e gli invalidi);

– possedere un indice ISEE relativo al nucleo familiare non superiore a Euro 32.000,00 euro;

– non aver beneficiato, nello stesso anno scolastico , di erogazioni con lo stesso fine, pubbliche o private, di valore superiore al 50% della borsa di studio.

Anche per chi partecipa relativamente ai primi quattro anni della scuola secondaria di secondo grado (Istituti Superiori) , o per i frequentanti corsi professionali, i requisiti sono i medesimi; per chi ha frequentato l’ultimo anno, ed ha ottenuto il titolo di studio, la votazione dovrà essere almeno pari a 80/100 (60/100 se disabile o invalido).

Per ottenere il beneficio, sarà necessario prima iscriversi presso l’apposita banca dati, scaricando la documentazione necessaria nella sezione “Modulistica”, all’interno del portale dell’Inps, ed inviando il modulo tramite pec, email, fax o raccomandata alla propria sede Provinciale dell’Istituto.

Prima di presentare la domanda, si dovrà altresì richiedere l’attestazione Isee 2015 (la dichiarazione può essere fatta anche direttamente tramite il sito Inps)

In seguito, l’utente potrà accedere alla sezione del portale dell’Ente- “Servizi per il cittadino” o “Servizi Inps Gestione Dipendenti Pubblici (ex Inpdap)”, e presentare la domanda (una richiesta per ogni anno scolastico).

Si potrà partecipare al bando dalle ore 12 del 29 luglio 2015 sino alle ore 12 del 30 settembre 2015.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube