Cessione del quinto stipendio e pensione: nuovi tassi di interesse

28 Luglio 2015 | Autore:
Cessione del quinto stipendio e pensione: nuovi tassi di interesse

L’INPS comunica i tassi di interesse medi e soglia usura applicabili alle cessioni del quinto dello stipendio o della pensione, aggiornati per il periodo 1 luglio- 30 settembre 2015.

 

Per i prestiti o cessioni del quinto dello stipendio o della pensione, i tassi di interesse di riferimento, applicabili nel periodo 1 luglio – 30 settembre 2015, sono quelli aggiornati da un recente decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze [1].

Quest’ultimo ha infatti indicato i tassi effettivi medi globali praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari, rilevati dalla Banca d’Italia e applicabili dal 1 luglio 2015.

In particolare, il valore dei tassi medi e i tassi soglia (cioè i tassi limite oltre i quali si ha usura) è così individuato:

per importi fino a 5.000 euro: 12,20 tasso medio e 19, 25 tasso soglia usura;

per importi oltre i 5.000 euro: 11,37 tasso medio e 18,2125 tasso soglia usura.

Come reso noto dall’INPS [2], i tassi soglia TAEG da utilizzare per i prestiti con cessione del quinto della pensione [3], variano in base alla classe di età del pensionato e all’importo del prestito. Più precisamente:

a) per importi fino a 5.000 euro:

– età del pensionato fino a 59 anni: 9,09

– età del pensionato tra 60-69 anni: 10,69

– età del pensionato tra 70-79 anni: 13,29

b) per importi oltre 5.000 euro:

– età del pensionato fino a 59 anni: 8,96

– età del pensionato tra 60-69 anni: 10,56

– età del pensionato tra 70-79 anni: 13,16.

Le classi di età del pensionato comprendono il compleanno dell’età minima della classe; l’età si intende a fine piano di finanziamento.


note

[1] Ministero dell’Economia e delle Finanze, decreto del 19.6.15.

[2] INPS messaggio n. 4969 del 24.7.15.

[3] Art. 10 della convenzione INPS, approvata con determinazione presidenziale n. 76 del 5 aprile 2013, finalizzata alla concessione di prodotti di finanziamento a pensionati.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube