Business | Articoli

Una calamita per ridurre i consumi ENEL

22 Giugno 2016


Una calamita per ridurre i consumi ENEL

> Business Pubblicato il 22 Giugno 2016



Scoperta una truffa ai danni della maggiore azienda energetica italiana: riducevano i consumi con una calamita, ottenendo risparmi per migliaia di euro.

Succede ad Ariccia, Albano, Ciampino: una truffa particolarmente effiace – pare – che avrebbe ridotto i consumi al minimo. Ma i commercianti che la hanno messa in atto sono stati scoperti dalle Forze dell’Ordine.

Si tratta di un raggiro in parte conosciuto, che nella sua semplicità aveva un’efficacia eccezionale. Vediamo di cosa si tratta.

Enel: la truffa della calamita

Ridurre i consumi di energia elettrica con una potente calamita? Evidentemente si può. L’Enel aveva rilevato l’anomalia di esercizi commerciali che pur avendo in linea di principio per loro stessa natura consumi elevati, di fatto avevano spese energetiche molto basse.

Sicuri di farla franca, gli esercenti avevano posizionato al di sopra dei contatori, delle potenti calamite che erano in grado di rallentare il contatore, riducendo il consumo sino al 92%.

La calamita sarebbe proveniente dal mercato nero ed è tra quelle più potenti disponibili.

Il consumo dei forni elettrici presenti all’interno degli esercizi aveva aguzzato l’ingegno degli esercenti truffaldini che sarebbero così riusciti a ottenere un risparmio annuo nell’ordine delle decine di migliaia di euro per attività.

Truffa della calamita, le conseguenze sono gravi.

Sarebbe il caso, prima di mettere in atto rimedi del genere, di far due conti su cosa convenga davvero: se ridurre i consumi attivando azioni illecite, o ridurre i guadagni per un periodo di tempo indefinito.

I titolari degli esercizi commerciali coinvolti nella truffa sono difatti stati tutti denunciati per truffa alla Procura della Repubblica del Tribunale di Velletri, ed è stata comminata loro in via immediata la contestuale sospensione dell’attività lavorativa.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Buon giorno
    Mi chiamo Silvana Serra sono sarda
    Da noi in Sardegna, il costo della luce penso che sia il più alto di tutta L’Italia.
    Per non parlare il costo dell’acqua non c’è un mercato libero, siamo in un degrado totale. MI SONO SEMPRE CHIESTA, MA LA SARDEGNA APARTIENE ALL’ ITALIA. SIAMO SEQUESTRATI IN SARDEGNA PER QUANTO RIGUARDA I TRASPORTI. FACCIO UN ESEMPIO, È MORTO MIO PADRE LAVORAVO IN CONTINENTE, PER VENIRE IN SARDEGNA IN AEREO HO PAGATO 800 EURO ANDATA E RITORNO. PURTROPPO LA SARDEGNA NON APARTIENE ALL’ITALIA.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI